Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

I perieci e Sparta
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Ellenici, Etruschi e Italici
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Maecenas

Veteranus





Età: 61
Registrato: 29/12/06 22:08
Messaggi: 195
Maecenas is offline 

Località: Milano
Interessi: storia, trekking, sport, fotografia
Impiego: Logistica
Sito web: http://www.enricopanta...

MessaggioInviato: Lun Dic 29, 2008 8:44 pm    Oggetto:  I perieci e Sparta
Descrizione:
Rispondi citando

I perieci come sappiamo erano una fetta di popolazione lacedemone formalmente "libera" che abitava i territori periferici della città/stato e che difendevano in arme gli stessi a fianco degli spartani.
Essi erano veramente liberi o piuttosto rappresentavano una variante più "aristocratica" rispetto agli iloti, che vivevano nella città senza alcun diritto e senza poter servire nell'esercito ?
Molti studiosi hanno provato a dare una risposta esaustiva, ma nessuno in realtà è riuscito a comprendere realmente cosa fossero e come si fossero formati dal punto di vista sociale.
Un'ipotesi è che in Sparta vi fossero state delle lotte pesanti per il potere negli anni arcaici e che i perdenti furono poi emarginati sui confini, un'altra propende per una tesi piuttosto "etnica e razzistica" proveniente dall'insediamento dei dori che poi diventarono in quei luoghi gli spartani mentre le popolazioni residenti prima del loro arrivo furono scacciate ai margini del territorio, una delle più diffuse è quella relativa alla colonizzazione che riguardano anche ovviamente la conquista, da qui l'unità delle tre forze che affrontavano i nemici: Sparta città, lo stato lacedemone (i perieci) e l'alleanza con altre città greche, ovvero la lega del Peloponneso.

_________________
Gli Spartani non chiedono quanti siano i nemici,ma dove sono.....

Enrico Franco Pantalone
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Adv



MessaggioInviato: Lun Dic 29, 2008 8:44 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
GLADIVS

Consul





Età: 32
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Lun Dic 29, 2008 10:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Su un libro consigliatomi dall'ottimo Silla nostro ho letto che un'altra ipotesi che giustificherebbe la presenza di questi perieci è che essi sono delle genti di stirpe dorica che seguirono gli "invasori" ma che non ebbero un ruolo conquistatore, insomma hanno ottenuto una condizione migliore rispetto agli iloti poichè di provenienza affine agli Spartiati, senza però avere la piena parità con questi ultimi...
_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Raphael Petreius

Praefectus





Età: 27
Registrato: 06/09/08 16:34
Messaggi: 819
Raphael Petreius is offline 

Località: Lilianum
Interessi: L' Ars Dimicandi, armi, strategia militare antica, storia romana e antica ( ma anche moderna), Harry Potter
Impiego: Universitario e Combattente amatoriale :D


MessaggioInviato: Mar Dic 30, 2008 12:02 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Io invece ho letto che i perieci, ( seguendo Gladius nel suo discorso) erano coloro che seguivano i Dori nell'invasione, e che avevano il compito di occuparsi di stazioni militari, che proteggessero Sparta dopo la conquista. Pian piano poi questi insediamenti si svilupparono in centi abitati. [Cartledge P., Sparta and Laconia, A Regional History, di Henley].

Un'altra tesi è che ad alcuni messeni, privilegiati in quanto avevano opposto una minima resistenza all'invasione, furono concessi diritti diversi, per evitare solidarietà tra i popoli sconfitti ( e quindi eventuali rivolte di massa).[Salmon J.B., Sparta, Argo e il Peloponneso. in I Greci. Storia, cultura, arte, società, a cura di S. Settis]

Valete

_________________
"Mors est dulcis et honesta si accipiatur pro patria, Roma"

" - Romani, sumus filii Lupae Capitolinae!!
- Mars Exurge!"


Raphael Petreius /Raffaele Pirozzi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Maecenas

Veteranus





Età: 61
Registrato: 29/12/06 22:08
Messaggi: 195
Maecenas is offline 

Località: Milano
Interessi: storia, trekking, sport, fotografia
Impiego: Logistica
Sito web: http://www.enricopanta...

MessaggioInviato: Mar Dic 30, 2008 7:56 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Infatti Gladius, in una delle mie ipotesi (quello etnico-razzistica) mi riferivo proprio al discorso dei Dori, tra l'altro questa tesi, quella dell'Herrenvolk (popolo conquistatore) fu esaltata pienamente dagli storici nazisti Hitler per giustificare la sua ossessione sulla razza e sul lebensraum, i Dori, popolo di guerrieri invincibili che invadono, conquistano e sottomettono gli abitanti del territorio in cui intendevano espandersi, chiara l'analogia con l'est europeo.
In realtà le città greche furono sempre animate da una forte autonomia, molto più marcata che in altri luoghi, Sparta non fa eccezione, era la più grande della Laconia e dominava, le altre s'accontentavano d'integrarsi come poleis o in lega, da qui nascono contraddizioni e perplessità sul concetto relativo alle persone.
I perieci venivano considerati coraggiosi dagli spartani, molti s'erano immolati alle Termopili, quindi pur nella diversità il termine lacedemoni veniva usato indiferrentemente per gli uni e per gli altri.

_________________
Gli Spartani non chiedono quanti siano i nemici,ma dove sono.....

Enrico Franco Pantalone
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Raphael Petreius

Praefectus





Età: 27
Registrato: 06/09/08 16:34
Messaggi: 819
Raphael Petreius is offline 

Località: Lilianum
Interessi: L' Ars Dimicandi, armi, strategia militare antica, storia romana e antica ( ma anche moderna), Harry Potter
Impiego: Universitario e Combattente amatoriale :D


MessaggioInviato: Mar Dic 30, 2008 10:12 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Non sapevo di questa considerazione degli Spartiati per i perieci!
_________________
"Mors est dulcis et honesta si accipiatur pro patria, Roma"

" - Romani, sumus filii Lupae Capitolinae!!
- Mars Exurge!"


Raphael Petreius /Raffaele Pirozzi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Ellenici, Etruschi e Italici Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008