Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

CATAFRATTI questi sconosciuti...
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Eserciti orientali
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 11:44 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Qualcuno potrebbe dirmi se si hanno altre testimonianze di battaglie in cui catafratti vengano usati al nord?
Trovo molto interessante il fatto che i Romani riuscissero ad usare cavalleria così pesante su terreni tutt'altro che adatti.

Avrei una domanda, qualcuno conosce qualche particolare in più sulla battaglia che ho descritto?

Ringrazio tutti i visitatori per l'interessamento questo sì che è un motivo per continuare a scrivere Razz Razz !

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Adv



MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 11:44 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Silla

Praefectus





Età: 35
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 12:04 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Beh, già Mitridate e Tigrane usarono i catafratti contro i Romani in zone, Ponto e Armenia, che non possono essere considerate pianure piatte e erbose... Very Happy Wink
_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 12:06 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Giustissimo Very Happy
Bisogna però ammettere che i Romani non smettono mai di stupire!

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Silla

Praefectus





Età: 35
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 12:12 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Non per niente il mio omonimo (che mi ruba la fama... Wink ) e il grande Lucullo li sconfissero tranquillamente senza batter ciglio... Se non è dignitas questa... Very Happy
_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 12:16 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Protrarrei le discussioni fino a domani se Morfeo non mistesse facendo segno di andare tra le sue braccia... a domani.

P.S. : penso che aprirò un nuovo Topic ho notato che questi si stanno spegnendo, prego tutti di darmi supporto.

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Snorri

Tiro





Età: 45
Registrato: 19/08/06 11:33
Messaggi: 22
Snorri is offline 

Località: Bonn
Interessi: Tutto ciò che a a che fare con la Storia
Impiego: Grabungsarbeiter (Archaeologie)


MessaggioInviato: Sab Ago 26, 2006 5:58 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

mi dispiace ma mi vedo costretto a contraddire Rufus..... la cavalleria pesante, catafratta in particolare, aveva il compito di caricare dritto sul nemico e scompigliarne lo schieramento..... che poi i cavalli si fermino quando vedono un ostacolo compatto, quale poteva essere una formazione legionaria, con grande scorno di Srmati, Parti e così via, i quali pensavano di avere gioco facile, è un´altra cosa; ma la carica era finalizzata all´impatto brutale col nemico.
valete
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Snorri

Tiro





Età: 45
Registrato: 19/08/06 11:33
Messaggi: 22
Snorri is offline 

Località: Bonn
Interessi: Tutto ciò che a a che fare con la Storia
Impiego: Grabungsarbeiter (Archaeologie)


MessaggioInviato: Sab Ago 26, 2006 6:11 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Vale Stilicone,

non ho altre descrizioni di battaglie svoltesi in Europa nelle quali si parli dei ctatafratti; però, forse ti interesserà nel caso tu non lo sappia (cosa che ritengo improbabile, dacchè mi pare che tu la materia la conosca bene), cavalieri catafratti erano già presenti nelle file dell´esercito che Massimino il Trace condusse dalla Pannonia in Italia nel 238.... erano stati probabilmente arruolati da Alessandro Severo tre o quattro anni prima in vista della sua spedizione in Germania, ed erano Parti, o comunque combattenti provenienti dalla Mesopotamia (ci sono le prove epigrafiche) .
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Sab Ago 26, 2006 6:36 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

grazie delle informazioni Snorri... Very Happy il fatto che io le conosca non significa che siano inutili questo è un forum e in quanto tale è frequentato da molte persone Wink

Vale

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Druso

Miles





Età: 34
Registrato: 01/08/06 18:55
Messaggi: 62
Druso is offline 

Località: Mvtina
Interessi: Storia
Impiego: Studente di Archeologia


MessaggioInviato: Sab Ago 26, 2006 6:41 pm    Oggetto:  Druso
Descrizione:
Rispondi citando

Verissimo ! infatti la cavalleria catafratta era tipica degl'eserciti orientali,che piuttosto che affidarsi a masse di uomini appiedati,preferirono affidarsi a gruppi a cavallo,e per motivi geografici(grandi distese desertiche e steppe) e per "cultura militare",d'altronde dei parti si diceva che nascessero a cavallo da tanto era grande la loro abilita e il loro rapporto con questi animali,e di sicuro nelle grandi steppe la "materia prima" non mancava di certo(mi riferisco ai cavalli Wink )

I catrafatti avevano una forza d'urto spaventosa,ma per contro,quando venivano disarcionati era difficile per loro salvarsi proprio a causa della pesante armatura...

_________________
Non ho paura del futuro perchè conosco il passato...

Druso / Stefano Scannavini
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Snorri

Tiro





Età: 45
Registrato: 19/08/06 11:33
Messaggi: 22
Snorri is offline 

Località: Bonn
Interessi: Tutto ciò che a a che fare con la Storia
Impiego: Grabungsarbeiter (Archaeologie)


MessaggioInviato: Dom Ago 27, 2006 9:34 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

nella mentalità parto-persiana il catafratto rappresentava la "bomba atomica" del tempo anche perchè in oriente è sempre mancata una fanteria degna di questo nome. Vegezio scrive che i catafratti sono efficaci contro una linea di fanti poco salda o addirittura già sbandata.
la carica della cavalleria pesante, che si parli dei catafratti o dei loro cugini medoievali, presupponeva che i fanti si sbandassero già prima che i cavalieri giungessero a contatto con loro, rendendo a questi il gioco ancor più facile.
ovvio che, se si dimentica Carre, le fanterie romane furono per i cavalieri orientali un´amara sorpresa.
valete

_________________
Fortuna Audentes iuvat
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Dom Ago 27, 2006 11:32 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Non dimentichiamo di specificare i periodi, infatti i catafratti sono stati presenti nelle armate per moltissimo tempo... ad esempio nel Tardo Impero dovettero scontrarsi contro sé stessi Wink
_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Dom Ago 27, 2006 7:30 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dato che, a quanto pare, l'argomento ha nuovamente suscitato interesse vi segnalo questo sito
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
leggete quello che vi è scritto e poi... sotto con critiche e commenti! Meglio se costruttive Wink il link porta ad un sito con copyright che parla dei nemici tardo-imperiali e delle risposte Romane a tali pericoli...
_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Rufus

Gladiator





Età: 57
Registrato: 27/03/06 14:15
Messaggi: 473
Rufus is offline 

Località: bononia




MessaggioInviato: Lun Ago 28, 2006 10:02 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ave Snorri,
ciò che ho scritto si riferisce ad esperienze successive sulle quali abbiamo maggiori informazioni.
I mongoli ad esempio usavano la cavalleria pesante per raggruppare i nemici e renderli così più facile bersaglio per le frecce della cavalleria leggera, Napoleone ugualmente la usava per obbligare ai quadrati di fanteria che diventavano ottimo bersaglio per le artiglierie, così gli inglesi durante le guerre scozzesi caricavano obbligando gli scozzesi a formare i loro famosi ricci e diventando bersaglio degli arcieri gallesi.
Ma perchè durante una carica di pesanti la fanteria si raggruppava in formazioni dense mentre questo non avveniva durante le incursioni dei leggeri?
La ragione è che un cavallo, per quanto addestrato, ha un istinto che gli impedisce di lanciarsi su un ostacolo che ritiene insormontabile, così se è vero che un reparto di pesanti piomba nel mezzo di una formazione di fanteria scompaginata da frecce o artiglierie o panico fa un disastro, è altrettanto vero che se vuoi costringere un cavallo a suicidarsi contro una massa compatta di fanti lo devi bendare, con quali risultati non saprei dire.
Ho piacere che collabori al forum, caro frater e compagno di lotta e di avventure, nonchè appassionato ed esperto figlio di Roma.
Vale.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Snorri

Tiro





Età: 45
Registrato: 19/08/06 11:33
Messaggi: 22
Snorri is offline 

Località: Bonn
Interessi: Tutto ciò che a a che fare con la Storia
Impiego: Grabungsarbeiter (Archaeologie)


MessaggioInviato: Lun Ago 28, 2006 10:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ave Rufus,
è sempre un piacere leggere tue notizie.
un cavallo bendato può essere ben condotto e forse anche più affidabile di uno il quale vede il pericolo e si spaventa (il cavallo non è un animale coraggioso) . per fare un esempio moderno, i cavalli della polizia israeliana indossano delle maschere che gli impediscono di vedere.... vengono guidati solo dalle gambe del cavaliere e dalle briglie.

ma torniamo ai Catafratti.

Ammiano Marcellino, che fu anche comandante militare, sapeva bene come un cavaliere "normale" ,per usare un brutto italiano, non avesse possibilità di sorta contro un catafratto.... questo ci lascia intuire che i catafratti venivano usati per eliminare la cavalleria avversaria (si confronti la tattica dei Palmireni contro Aureliano); però, come se non bastasse, le truppe di cavalleria pesante agivano sempre e comunque in concerto con gruppi di fanti armati alla leggera, i quali venivano mischiati ai cavalieri. i fanti dovevano impedire che i fanti avversari sbudellassero i cavalli dei catafratti strisciandogli sotto la pancia; tutto ciò aveva un senso solo se era previsto l´impiego dei catafratti contro formazioni di fanteria.
è vero che il cavallo si ferma di fronte ad un ostacolo compatto; è anche vero che molto spesso l´"ostacolo compatto" se la da a gambe, scompigliando le file e condannadosi a morte da solo. su questo contavano i catafratti quando caricavano..... se poi lo sbandamento non avveniva, allora non c´era da stare allegri.
s.v.e.v.

_________________
Fortuna Audentes iuvat
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Rufus

Gladiator





Età: 57
Registrato: 27/03/06 14:15
Messaggi: 473
Rufus is offline 

Località: bononia




MessaggioInviato: Mar Ago 29, 2006 11:31 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ave Snorri,
concordo con quanto affermi, e sono d'accordo circa il disastro che una formazione di pesanti può procurare ad una massa di fanteria che si sbanda.
E accaduto tante volte, ed è per questo che le fanterie improvvisate degli eserciti orientali o del medioevo venivano massacrate.
Ma di fronte ai picchieri rinascimentali, di fronte agli alabardieri o di fronte alle fanterie di Roma questo non funziona.
Non funziona neppure di fronte alle fanterie napoleoniche, ma con questo la cavalleria pesante non perde importanza, perchè la fanteria salda e raggruppata è bersaglio per missilia, frecce o artiglierie.
Questo è accaduto anche a Carrae, ed ogni volta che i pesanti hanno incontrato formazioni di fanteria solide e ben disciplinate. Da lì a vincere, beh, questa è un'altra storia.
S.v.e.v.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Eserciti orientali Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
Pagina 2 di 10

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008