Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

su Panorama, 4 pagine su chi pratica oggi il Culto Romano!
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Progetto Pietas
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Genius Cucullatus

Flamen






Registrato: 06/03/06 13:18
Messaggi: 94
Genius Cucullatus is offline 

Località: Val di Sambro (BO)
Interessi: I Nodi dell'Incrocio delle Serpi
Impiego: In Vmbra Pvgnabimvs


MessaggioInviato: Dom Nov 12, 2006 9:48 pm    Oggetto:  su Panorama, 4 pagine su chi pratica oggi il Culto Romano!
Descrizione:
Rispondi citando

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Extract:

Queste le ben quattro pagine nelle quali, sul Panorama che è in edicola quest'oggi, Pietrangelo Buttafuoco mette in luce la realtà del paganesimo in Italia oggi.

Riporto di seguito qualche passo dell'articolo in attesa di poterlo pubblicare tutto :

" Il recupero delle tradizioni e della religiosità dell'antica Roma fa parte della ricerca dei neopagani. Che rivendicano con orgoglio le proprie radici antecedenti il Cristianesimo"

" I veri laici devoti sono patrioti di Roma che non sono massoni, piuttosto pagani, anzi, Gentili, da Gens. Sono i discendenti di una stirpe istruita per diritto di sangue a tenere viva la fiamma della dea Vesta."

" ... << Ovviamente le operazioni commerciali non partecipano dell'archetipo sacrale ma certamente allertano un richiamo ancestrale>> spiega sandro Consolato, direttore della rivista La Cittadella, animatore del MTR , ovvero Movimento Tradizionale Romano (<<Tradizionale, non tradizionalista>> puntualizza Consolato). E ancora: <<Alla decadenza degli studi classici corrisponde una sempre più forte domanda di radici>>. Il 21 aprile, Natale di Roma, è stato chiamato in Campidoglio Renato Del Ponte. E' il massimo studioso della religione dei padri, ha tenuto l'allocuzione davanti ai membri dell'Accademia delle scienze di Mosca, la terza Roma (<<Terza e mai più>> recitano gli ortodossi)."

"I seguaci del paganesimo sembrano sempre più numerosi. Alla ricerca della propria comune identità: quella pietas antecedente il Cristianesimo e il razionalismo laico. "

"Il 17 dicembre uomini e donne di grande eleganza festeggeranno i Saturnalia e il 25..."


Cari Amici di ArsDimicandi,
che dire, finalmente un articolo 'positivo' che descrive in buona luce il 'paganesimo' dei Gentili, Tradizionale, in un quotidiano di 'massa', dedicandovi ben 4 pagine.

Eppur si Muove, qualcuno disse, ed effettivamente per quanto certuni si arrabattino, il Sole va avanti, e la Terra Gira..

Che sia prodromico di un Nuovo Rinascimento 'Pagano'?

Per ulteriori info e commenti :
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
"HOMO HOMINI LVPVS"
"SI VIS PACEM PARABELLVM"

)+Genius Cucullatus+(
Tribunus Magister
II Cohors Praetoria Arcana
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Adv



MessaggioInviato: Dom Nov 12, 2006 9:48 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Rufus

Gladiator





Età: 57
Registrato: 27/03/06 14:15
Messaggi: 473
Rufus is offline 

Località: bononia




MessaggioInviato: Lun Nov 13, 2006 9:36 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Prima o poi la ragione dissolverà le tenebre....
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Apuanus

Tiro





Età: 54
Registrato: 26/09/06 17:50
Messaggi: 44
Apuanus is offline 

Località: Roma


Sito web: http://www.radioalzoze...

MessaggioInviato: Lun Nov 13, 2006 12:23 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Il Dio Pan è vivo!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Ultor

Ospite















MessaggioInviato: Mar Nov 14, 2006 6:49 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

uhm...beh,più che gioire... questo articolo apre in me la solita questione, che affronto interiormente ogni giorno (e a cui mi do sempre la solita risposta)...
Quanto si può essere tradizionalisti, sentirsi veramente ROMANI... e professarsi cristiani? I valori del Cristianesimo (quello vero, non quella specie di etica perbenista,accozzaglia di valori riconosciuti da tutti, che porta quasi tutti a dirsi CATTOLICI) non sono in qualche modo anti-tradizionali per eccellenza? Il diniego di concetti come appartenenza, sangue, forza... non hanno portato il mondo moderno ( di gran lunga influenzato dalla diffusione del cristianesimo) ad essere notevolmente diverso da quello romano?

Io la mia risposta l'ho trovata naturalmente, ma come ogni risposta, ha bisogno di alternative opposte per rafforzarsi... a voi (e a chi se la sente di affrontare l'argomento)
Torna in cima
Apuanus

Tiro





Età: 54
Registrato: 26/09/06 17:50
Messaggi: 44
Apuanus is offline 

Località: Roma


Sito web: http://www.radioalzoze...

MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 2:21 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cristiano o Gentile? L'alternativa (per me) è questa, ogni scelta è legittima, ma deve essere scelta, o l'uno o l'altro, non esistono compromessi o vie di mezzo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Rufus

Gladiator





Età: 57
Registrato: 27/03/06 14:15
Messaggi: 473
Rufus is offline 

Località: bononia




MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 1:25 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Sono d'accordo con Apuanus.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Tvllia

sagittarius





Età: 50
Registrato: 11/03/05 18:24
Messaggi: 2195
Tvllia is offline 

Località: Mvtina
Interessi: tanti
Impiego: impiegata


MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 2:38 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Concordo anch'io con Apuanus.
Anche per me non ci possono essere compromessi o mezze vie: o si è gentili o si è Cristiani. Impossibile realmente conciliare l'inconciliabile perchè il Cristianesimo non ammette, oggi come allora, una conciliazione tra paganesimo e cristianesimo.

_________________
Tvllia/Rita Lotti

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"Non troveremo mai la verità se ci accontentiamo di ciò che è già stato scoperto.
Quelli che hanno scritto prima di noi non sono dei padroni, ma delle guide.
La verità è aperta a tutti e non è stata ancora trovata per intero"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ultor

Ospite















MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 2:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Beh,si..direi che le 2 cose non possono andare di pari passo.... chiedo solamente la vostra opinione su questo fatto: una persona che si professa CRISTIANA... può secondo voi capire e apprezzare la Tradizione Romana? (oddio..magari nella vostra risposta c'era già quello che cercavo).

ps: bene,ora le immagini di ROME vengono anche messe su Panorama...
Apuanus,vedi se ti ci ritrovi eheh
Torna in cima
Apuanus

Tiro





Età: 54
Registrato: 26/09/06 17:50
Messaggi: 44
Apuanus is offline 

Località: Roma


Sito web: http://www.radioalzoze...

MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 3:17 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ultor ha scritto:
una persona che si professa CRISTIANA... può secondo voi capire e apprezzare la Tradizione Romana?

ps: bene,ora le immagini di ROME vengono anche messe su Panorama...
Apuanus,vedi se ti ci ritrovi eheh


Magari può essere un buon inizio per tornare alla religione dei Padri.

Devo comprarlo questo Panoramix... ehm Panorama...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Tvllia

sagittarius





Età: 50
Registrato: 11/03/05 18:24
Messaggi: 2195
Tvllia is offline 

Località: Mvtina
Interessi: tanti
Impiego: impiegata


MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 7:08 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Diciamo caro Ultor che molti di noi sono stati educati da cristiani, da piccoli intendo, in seno alla famiglia.

Poi crescendo ognuno si fa le proprie idee in fatto di religione.
In questo caso, questo è il mio punto di vista, per riuscire e tornare a comprendere un minimo la religione dei Padri, bisogna decisamente "spogliarsi" mentalmente dei precetti della religione cristiana.
Io ritengo che solo in questo modo si possa avere la possibilità di "apprendere" un minimo della religione degli antichi.

Io personalmente, nel mio cammino di conoscenza del mondo antico, ad un certo punto ho fatto così. Ma questo vale per me.

Vale

_________________
Tvllia/Rita Lotti

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"Non troveremo mai la verità se ci accontentiamo di ciò che è già stato scoperto.
Quelli che hanno scritto prima di noi non sono dei padroni, ma delle guide.
La verità è aperta a tutti e non è stata ancora trovata per intero"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 7:31 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Non dimentichiamoci però di considerare le cose in ogni loro sfaccettatura, il Cristianesimo è un fenomeno svoltosi in duemilasei anni di Storia umana ed è padre e figlio della cultura occidentale... o almeno io l'ho sempre pensata così.
Spero di essermi spiegato con chiarezza Very Happy

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Genius Cucullatus

Flamen






Registrato: 06/03/06 13:18
Messaggi: 94
Genius Cucullatus is offline 

Località: Val di Sambro (BO)
Interessi: I Nodi dell'Incrocio delle Serpi
Impiego: In Vmbra Pvgnabimvs


MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 8:13 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Flavio Stilicone ha scritto:
Non dimentichiamoci però di considerare le cose in ogni loro sfaccettatura, il Cristianesimo è un fenomeno svoltosi in duemilasei anni di Storia umana


Da un punto di vista oggettivo, possiamo parlare di 1600 anni.
Che poi 'secondo i cristiani' la storia umana inizi con la data presunta di nascita di Gesù Nazareno, è un altro paio di maniche. Da un punto di vista umano ( perchè di umanità si parla) possiamo parlare più correttamente di sedici secoli. E comunque 3/4 dell'umanità non è stata e non è cristiana.
Si tratta comunque di un fatto minoritario, se prendiamo l'umanità globalmente. ( Che esiste da almeno 500.000 anni..)

Citazione:

ed è padre e figlio della cultura occidentale... o almeno io l'ho sempre pensata così.


Non credo che qui noi, appassionati di Roma ( di qualsiasi religione) possiamo pensare minimamente che l'Occidente non abbia avuto una Cultura prima del Cristianesimo, ne tantomeno che prima del Cristianesimo non esistesse un Europa. Quindi sul 'padre' è da negarsi recisamente e senza compromessi ( con qualsiasi Alarico di turno .. Wink ).
Citazione:

Spero di essermi spiegato con chiarezza Very Happy


Si, però putroppo siamo andati ampliamente OT, rispetto all'articolo e alla notizia. Che riguarda i Gentili, che non esistono in alcun modo in funzione 'oppositiva' ai Cristiani. Sono e si bastano in quanto sono, esattamente come i Buddhisti, i Taoisti, gli Shintoisti, gli Induisti.. Vie Spirituali diverse che non hanno nulla a che fare con le religioni 'del Libro'.

Dal momento che pare essere inevitabile disquisire su questioni riguardanti i cristiani, provvederemo a creare un thread apposito sull'argomento, ma ricordo che in tutto il resto dello spazio riguardante il progetto Pietas, il Cristianesimo è semplicemente Off Topic.

_________________
"HOMO HOMINI LVPVS"
"SI VIS PACEM PARABELLVM"

)+Genius Cucullatus+(
Tribunus Magister
II Cohors Praetoria Arcana
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Ultor

Ospite















MessaggioInviato: Mer Nov 15, 2006 8:25 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Avete ragione, e me ne addosso la colpa. Non sapevo se continuare qui o aprire un topic nuovo... almeno non siamo andati off section.
Mi riservo di rispondere nel nuovo topic.
Torna in cima
Lux Delphica Noctiluca

Ospite















MessaggioInviato: Mer Nov 22, 2006 4:38 pm    Oggetto:  Articolo completo
Descrizione:
Rispondi citando

Riporto l'articolo completo apparso su Panorama

Valete optime

Lux

________________



VEDIAMOCI AI SATURNALIA IL SABATO SERA

Il 17 dicembre festeggeranno il dio degli inferi. Al posto del Natale celebreranno il Natalis solis invicti. I seguaci del paganesimo sembrano sempre più numerosi. Alla ricerca della propria comune identità: quella pietas antecedente il Cristianesimo e il razionalismo laico.

Pietrangelo Buttafuoco

da Panorama n° 46 del 16/11/06


I veri laici devoti sono i patrioti di Roma che non sono massoni, piuttosto pagani, anzi, gentili, da gens. Sono i discendenti di una stirpe istruita per diritto di sangue a tenere viva la fiamma della dea Vesta. Sono gli abitanti più antichi della città che veramente e non per favola fu fondata da Romolo il 21 aprile. Precisamente nel 753 avanti quest’era volgare. Così come fu vero che il fratello, laico e devoto, dovette uccidere il gemello Remo.
Così come Roma è eterna, così come è vero che furono sette i re perché gli stessi scavi archeologici hanno dato ragione ai sacerdoti di Rea Silvia fecondata da un fallo di solido fuoco. Ha sempre avuto ragione Tito Livio e con lui Niccolò Machiavelli, che ne commentò la dottrina perché ogni rito politico è anche rito religioso. Ha sempre avuto ragione Giovanni Boccaccio, autore di una mirabile Genealogia degli dei, e tutta la storia delle origini di Roma attraverso le fonti ha ragione perché l’identità romana per l’Italia e per lo stato è il sigillo sacro primigenio: il futuro, insomma, è dietro le spalle. «Il fondamento culturale e religioso d’Occidente è pagano» spiega Domitia Lancetta, studiosa del dionisismo, animatrice dell’associazione di studi Symmetria. «L’immagine del lupo nella Roma sacra è anteriore alle presunte radici cristiane; così come, nella pur ecologistica cultura moderna, non c’è nulla di paragonabile alla bellissima Preghiera del pastore tramandataci da Ovidio. È il Cristianesimo che invece può avere radici nostre, giammai il contrario».
Roma, dunque, è radice a se stessa. Niente di folcloristico, neppure l’ombra della new age, nulla che possa indulgere a stravaganze, al contrario: studi severi, dottrina profonda e, soprattutto, gravitas. È vero «che gli dei di Roma si sono rifugiati in India» come dice Pio Filippani Ronconi, il grande orientalista invitato a suo tempo dallo scià di Persia per festeggiare i 2.500 anni di Dario imperatore in Iran e applaudito dagli zoroastriani e dai saggi sciiti per un’allocuzione in latino. Ma lo spirito sacro della romanità ancora oggi reclama i suoi paesaggi: la campagna lungo l’Appia antica dove pascolano gli armenti, proprio a pelo con gli studi di Cinecittà, è ancora canone dell’ideale classico. E il genius loci della paganitas è vivo nel fiume Tevere, nell’Isola sacra, nel Mausoleo di Adriano, nei musei e nei Fori (dove con i pagani anche i romani vanno in inconsapevole pellegrinaggio) ma infine anche all’Auditorium.
È successo qualche domenica fa, di mattina. Il Comune di Roma e l’editore Laterza avevano organizzato all’Auditorium una lezione di Andrea Carandini, archeologo, autore di bellissimi libri sull’Urbe, l’ultimo dei quali è La leggenda di Roma. È il primo volume edito da Fondazione Valla, Mondadori editore, titolo Dalla nascita dei gemelli alla fondazione della città. Una folla da concerto rock attende la lezione del professore. «Più gente che con Leonardo Di Caprio» così diranno a Carandini gli organizzatori dovendo fronteggiare in sala e fuori dagli ingressi più di cinquemila persone. Il successo colpisce Gennaro Malgieri, consigliere d’amministrazione della Rai, che già pregusta di fare della religione di Roma arcaica un canovaccio di consumo popolare che eguagli le letture dantesche di Roberto Benigni e di Vittorio Sermonti.
Carandini, erede di una famiglia di agrari dal sussiego radical (tanto da meritarsi un motteggio sulla falsariga dello slogan comunista: «La terra ai Carandini!», in luogo di «La terra ai contadini!»), è un fenomeno pop. Con un elzeviro sul Corriere della sera lo stesso professore cercherà di darsi una spiegazione: «Siamo stufi di fragori musicali e discoteche».
Tiziano Terzani raccontava di un banchetto in India quando una signora d’alta casta gli rivolse l’imbarazzante domanda: «Quanti sono in Italia gli adoratori di Zeus padre?». E Roma vive ancora. I gentili, i pagani che continuano a frequentare i luoghi sacri, scendono nelle catacombe non più come «luoghi infettati dai morti», bensì per svegliarle ai riti misterici della tradizione. A San Callisto vi si leggono le iscrizioni di Giulio Pomponio Leto, un erudito rinascimentale, arrestato con Bartolomeo Sacchi detto il Platina. Sono tracce di una tradizione che pochi iniziati hanno tenuto viva e ben s’accordano con lo spontaneo avvicinamento del popolo ai richiami arcaici di Roma.
Dal successo hollywoodiano del Gladiatore, dove per la prima volta si vede un eroe non necessariamente convertito al Cristianesimo, al De Reditu, film dall’omonimo libro di Claudio Rutilio Namaziano. Il viaggio fiero e lugubre di un magistrato romano (V secolo dell’era volgare) lungo quel che rimaneva di un impero sfregiato dai galilei e dai barbari goti. E con in cuore la volontà tragica di restaurare il «mos maiorum» (la tradizione dei padri). Un altro segnale di orgoglio gentile, quasi un antigladiatore nostrano. Mentre in libreria il riscatto pagano è affidato al best-seller di Valerio Massimo Manfredi L’ultima legione.
«Ovviamente le operazioni commerciali non partecipano dell’archetipo sacrale ma certamente allertano un richiamo ancestrale» spiega Sandro Consolato, direttore della rivista La Cittadella, animatore del Mtr, ovvero Movimento tradizionale romano («Tradizionale, non tradizionalista» puntualizza Consolato). E ancora: «Alla decadenza degli studi classici corrisponde una sempre più forte domanda di radici». Il 21 aprile, Natale di Roma, è stato chiamato in Campidoglio Renato Dal Ponte. È il massimo studioso della religione dei padri, ha tenuto l’allocuzione davanti ai membri dell’Accademia delle scienze di Mosca, la terza Roma («Terza e mai più» recitano gli ortodossi). Ogni dettaglio è un archetipo.
Il 17 dicembre uomini e donne di grande eleganza festeggeranno i Saturnalia e il 25 dello stesso mese, giusto per dare a Cesare quel che è di Cesare, la festa del presepe per loro sarà solo il Natalis solis invicti. Nulla che rimandi alla Galilea, si tratta infatti della più antica festività mithraica, è il giorno in cui Roma rifulge di splendore divino.
L’eternità di Roma prescinde, precede e sovrasta lo stesso sigillo cattolico. Consolato rivendica ciò che in Lituania, Grecia e Bretagna è normale: «Normale che qualcuno, invece che subire il razionalismo laico o l’erranza cattolica, eserciti la pietas».
Tutti i giornali e le televisioni non mancano all’appuntamento di Assisi con la Marcia della pace, ma la verità del popolo corre per sentieri occulti. Per le Idi di marzo gruppi di persone si recano ai piedi della statua di Cesare, ne incensano i marmi e poi rendono onore alle pietre del Palatino. Piero Fenili, magistrato, oggi curatore della rivista Politica romana, studioso assai raffinato, ricorda di aver visto ai piedi del condottiero, tra gli altri fiori deposti, una corona con una ben precisa dedica: «A Giulio Cesare, il primo dei generali e degli avvocati». Perfino i tifosi della A.S. Roma ci vanno in pellegrinaggio, ma quella corona con le ghiande di quercia, precisa Fenili «dovevano averla portata gli avvocati».
Torna in cima
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mer Nov 22, 2006 5:34 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un sentito grazie a Lux Delphica Noctiluca per aver riportato questo articolo che, purtroppo, mi ero perso...

Mi piacerebbe tanto dedicare qualche ora del mio tempo libero a commentarlo e credo lo farò quanto prima, d'altra parte mi piacerebbe ancor più discuterne di persona, magari con un Gentile e un oppositore Wink

Valete

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Progetto Pietas Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008