Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Roma 1849: si può far rivivere la res publica?
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Storia e paralleli storici
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
fabius

Ospite















MessaggioInviato: Mar Apr 11, 2006 10:56 pm    Oggetto:  Roma 1849: si può far rivivere la res publica?
Descrizione:
Rispondi citando

Il breve esperimento della Repubblica Romana del 1849 si pone come l'unico tentativo SERIO in epoca contemporanea di dar nuova linfa alle istituzioni della romanità classica: di fatto Mazzini,Saffi, Garibaldi e gli altri esponenti della Repubblica si sono esplicitamente richiamati alle antiche istituzioni repubblicane, a loro volta sulla scorta dei loro maestri spirituali Alfieri e Foscolo.
Il che ci pone un interrogativo? Roma oggi ci può servire esclusivamente come modello etico volto al passato o anche come sprone (azz,che linguaggio aulico Wink ) per il futuro? In altre parole pensate che nel 2006 si possa dar vita ad un progetto politico di restaurazione delle istituzioni classiche? Una domanda che pongo non per fare "politica" intesa come volgare propaganda di parte (atteggiamento che in Ars Dimicandi è giustamente bandito) ma Politica intesa come senso dello stato e del dovere.
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Mar Apr 11, 2006 10:56 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Gaius Rutilius Lupus

Miles





Età: 42
Registrato: 23/01/06 16:06
Messaggi: 61
Gaius Rutilius Lupus is offline 

Località: Tergestum




MessaggioInviato: Mer Apr 12, 2006 10:01 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Personalmente, sarebbe il mio sogno...

Vale Frater!

_________________
Vis et Honor!

Gaius Rutilius Lupus Achilleus

Roma semper Victrix !
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Rufus

Gladiator





Età: 57
Registrato: 27/03/06 14:15
Messaggi: 473
Rufus is offline 

Località: bononia




MessaggioInviato: Gio Apr 13, 2006 8:00 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Credo che siamo in molti ad auspicarlo, e speriamo anche di riuscirci.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Dom Giu 18, 2006 8:15 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Pesonalmente ritengo che un progetto di riforma costituzionale ben ponderato ed elaborato attorno al modello di governo Romano sarebbe una proposta più seria di quelle che si sentono al giorno d'oggi... Wink
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Dom Giu 18, 2006 9:25 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Tutto sta nel vedere quali obbiettivi si intendono raggiungere. Smile
_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Dom Giu 18, 2006 9:59 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Questo era sottinteso caro Seneca.
Confesso di aver pensato diverse volte ad un modo per rendere fattibile un progetto di ritorno alla Roma dei tempi d'oro...
Ultimamente questo ostello di dolore che risponde al nome d'Italia ha visto un susseguirsi di scandali politici che fanno veramente tornare alla mente i versi di Dante.
Un'eventuale progetto di riforma radicale in questo senso dovrebbe partire dal presupposto che la Storia sia maestra di vita, per cui ogni possibilità di concentrazione di potere in particolari classi sociali dovrebbe essere costituzionalmente proibita.
Una delle garanzie che, ritengo, uno Stato abbia il dovere di garantire ai cittadini è un tenore di vita decente, come si potrebbero definire infatti Romani dei cittadini che non credono nello Stato poiché esso rappresenta solo una cassa di risonanza per la voracità dei politicanti?

Pensate che un simile progetto potrebbe risquotere il consenso dei più o ritenete piuttosto che la memoria storica della gente sia talmente a breve termine da credere che i vari governi Italiani (senza esclusione di nessuno) abbiano REALMENTE agito SOLO ed ESCLUSIVAMENTE per il bene del paese?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Dom Giu 18, 2006 10:37 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La democrazia, specie quella italiana, è il miglior metodo di governo che è capace di rendere dignitosa e onorevole la vita di ogni individuo aggregato in società. E' un sistema delicato e complesso di equilibrio instabile.
Ed è proprio per questi motivi che, guardando alla concretezza dei nostri giorni, risulta poco praticabile con buona pace dei padri costituenti.

Presupposto indifferibile dell'esercizio democratico, modernamente inteso, è l'esistenza di cittadini culturamente educati e formati a quel sistema di governo. Governo che con l'attività statuale deve impedire la concentrazione di potere nelle mani di uno o pochi e deve altresì permettere il controllo e la rendicontazione di quell'esercizio delegato con le elezioni.

Il consenso verrebbe senz'altro concesso anche dalla maggioranza più pragmatica (imprenditori e commercianti) lontana da questo modello, se venisse convenientemente e succintamente informata in modo corretto.
Vediamo tutti i giorni come viene presentato il referendum attuale, pilotando i cittadini verso una scelta ingannevolmente presentata.

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2006 12:09 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

A questo punto mi viene spontaneo chiederti, secondo te cosa vorrebbero sentirsi dire i cittadini (per votare una proposta di ritorno alle istituzioni Romane) e soprattutto da chi?
Forse ci vorrebbe un solenne discorso fatto da un famoso balcone di una ancor più nota piazza romana Cool Cool Wink ?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2006 1:55 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un discorso chiaro e semplice per una immediata attuazione non credo che esista; a meno che non sia seguito da una politica forte e dura che è contraria e priva di risposte democratiche.
L'attuazione della democrazia, come quella che si voleva far nascere dalla Prima Costituzione, è un processo lungo che si concretizza con il tempo e ha bisogno di alcune generazioni, civicamente formate e convenientemente edotte sul suo funzionamento, perchè dia i suoi frutti. Quindi serve un lungo tempo di correttezza amministrativa e di rigorosa applicazione distributiva delle leggi: tale che ciascun cittadino constati subito e con chiarezza la linearità dei principi.

Se poi si volessero subito dei cambiamenti significativi, allora necessiterebbero dei metodi autoritari.

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2006 2:13 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Il problema nell'usare metodi autoritari sarebbe però (oltre al fatto che mi pongo personalmente contro qualsiasi forma di imposizione violenta) che si verrebbe a creare un grave precedente all'alba di una riforma volta a ridare al popolo la sua dignità.
Forse un referendum costituzionale...

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2006 2:37 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

L'argomento, appassionante per me, si sta biforcando in due direzioni entrambe meritevoli di considerazioni.

Io torno Smile al primo e, rivolgendomi alla credibilità strettamente necessaria al politico/amministratore-pubblico, ritengo che tutti gli anni di questa nostra Repubblica non hanno dato molti esempi di correttezza e trasparenza. Tutti eventi, più o meno noti, che con maggiore o minore intendimento sono stati conosciuti dai cittadini: purtroppo convincendoli quasi qualunquisticamente a ritenere l'attuale Dirigenza del Paese (fatte le debite eccezioni) inadatta e politicamente immorale al suo ruolo istituzionale.
E questa è cronaca! Evil or Very Mad
E come è evidente questo [dalla stampa e dalle TV,( e oggi grazie anche ad internet)], è parimenti evidente che non può nascere la fiducia necessaria ad avviare quel processo e meno che mai l'altro, di tornare alla "Romanità"; Romanità che da fonti meno note del passato, tanto corretta non è sempre stata. (Omicidi di Tribuni, ecc.)
Un primo passo sarebbe l'insegnamento dell'educazione civica nelle scuole.
Perdonami adesso la nota polemica: Non la scuola berlusco/morattiana". Ma quella di alcuni decenni addietro.

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2006 2:40 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Very Happy
Dimenticavo una nota di "colore" che spero mi venga perdionata. Anche se questi sono discorsi di "sinistra", io "Non mangio bambini, nè li bollisco prima di mangiarli".

Laughing La frecciata non è diretta a te! Mr. Green Mr. Green

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2006 2:57 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Mi trovi d'accordo, li sistema scolastico è in decadenza netta...
La responsabilità ricade però anche sulle famiglie, troppo spesso mi capita di parlare con gente che non sa nulla della gloriosa Storia del nosto Paese... Che fine ha fatto l'orgoglio di dirsi discendenti della più grande civiltà che il mondo abbia conosciuto? Cosa ne penserebbe Catone il censore del fatto che molti Italiani non sanno nemmeno cosa sia il mos maiorum?

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2006 3:58 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Flavio Stilicone ha scritto:
Mi trovi d'accordo, li sistema scolastico è in decadenza netta...
La responsabilità ricade però anche sulle famiglie, troppo spesso mi capita di parlare con gente che non sa nulla della gloriosa Storia del nosto Paese... Che fine ha fatto l'orgoglio di dirsi discendenti della più grande civiltà che il mondo abbia conosciuto? Cosa ne penserebbe Catone il censore del fatto che molti Italiani non sanno nemmeno cosa sia il mos maiorum?


Mi soffermo sulle famiglie per mostrarti una mia conversazione fatta su un blog.

Il tema era: Dove sono i genitori…. proposto da Lamberto.


Dove sono i genitori quando in aeroporto i bambini prendono a calci i cestini?
Dove sono i genitori, quando, nel parco i bambini lasciano carte, cartine, pezzi di pane, bottiglie semivuote, sui prati?
Dove sono i genitori, quando i bambini, vogliono il leccalecca verde, poi il leccalecca arancione, poi le patatine con il cellophan di Topolino, e poi i pop-corn…?
Dove sono i genitori, quando per strada l’autista (di solito il padre) abbassando il finestrino, spara parolacce et simili, alla ragazza dell’auto a fianco, solo perché ha impiegato un secondo in più per scattare?
Dove sono i genitori, quando i marmocchi fanno a gara, per tirare sassi alle anitre del torrente?
Dove sono i genitori, quando la segretaria della scuola li cerca, per dire loro che il figlio non è a lezione?
Dove sono i genitori, quando la televisione racconta di tutto, di più, con i figli spaparanzati a “bere” …?
Dove sono i genitori?
Dal parrucchiere? In palestra? …

La mia considerazione


Pilotargivo Says:
Dicembre 4th, 2005 at 09:01
E’ una domanda attenta di chi osserva i fatti e ne cerca la spiegazione. Pochi purtroppo specie in questa epoca, che ritengo sia dominata dalle immagini della TV passivamente accettata, si pongono il quesito.

Tralasciando la casualità dell’assenza del genitore che poteva avvenire diversi decenni addietro e che era inevitabile e accettata nella limitatezza del suo verificarsi, bisogna dire che l’assenza del genitore da tre decenni ad ora è una dannosa prassi ormai convenzionale di questa nostra epoca.
Essa è determinata da alcuni fenomeni immediati e da altri indiretti.
Il lavoro a cui si recano entrambi e contemporaneamente i genitori, priva la prole di vigilanza e soprattutto di formazione dato che questa viene affidata a saltuari e cangianti tutori anche estranei al nucleo familiare e, quasi sempre, privi a loro volta del patrimonio culturale necessario a guidare ed educare gli affidati.

Intruppati disordinatamente, disomogeneizzatamente e anarchicamente con altri coetani o peggio con altri di maggiore età, i ragazzi costituiscono di fatto un nuovo gruppo sociale in cui è ancora assente o quasi il concetto della socialità organizzata con regole, e che ricerca un proprio equilibrio di convivenza etologica dove ben presto si formano i ruoli di dominatori e dominati secondo quella scala di valori dettati dall’animalità istintiva basata sulla forza e sul tornaconto individuale.
In questo contesto ecco che si passa dal soggetto che sfida irriguardosamente gli adulti, che siede sulle spalliere delle panche poggiando i piedi sul sedile, sino ad arrivare, proporzionatamente alla propria indole e alle influenze subite, alle violenze, angherie di gruppo, furti, droga, uccisioni…..

Per contro è frequente che il genitore assente per lavoro, specie le madri perchè più sensibili, si sentano in colpa per la propria assenza e che la vivano come se abbiano negato la propria presenza a fianco della discendenza. Il senso di colpa viene allora combattuto con l’elargizione facile di cose a volte anche costose ed effettivamente lontane dal tenore di vita che il reddito effettivo della famiglia può sostenere, Viene spesso così creata una generazione di viziati, ingrati, déspoti indifferenti e insaziabili secondo un copione che non sempre ricalca tutti e contemporaneamente questi caratteri.
Ritengo quanto esposto causa dei profondi mutamenti intervenuti nella società..
E taccio dell’assenza della figura del nonno, non più presente nelle attuali famiglie e prima riferimento di spicco che sommessamente esercitava una influenza forse maggiore di quella dei genitori, per non trasformare questo blog in un trattato altrimenti pesante.
Pilotargivo

Amministratore Says:
Dicembre 4th, 2005 at 12:08
una semplice ma sentita espressione di apprezzamento per il commento di Pilotargivo che vale ben più, nel suo sviluppo, del post originale. Grazie

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Lun Giu 19, 2006 4:04 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Fortunatamente il modello di famiglia moderna che hai appena descritto non ha niente a che vedere con la mia, sono sempre stato seguito ed incitato ad hobbies diversi da quelli che vedevo praticare dai miei coetanei, il risultato è che ho solo una decina di amici ma insieme ci divertiamo come matti e discutiamo spesso di argomenti simili a quelli di questo forum...
Colgo l'occasione per chiederti il tuo parere sul mio ultimo messaggio riguardante i Catafratti

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Storia e paralleli storici Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008