Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Misteri dionisiaci e Bacchanalia
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Progetto Pietas
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Vestia

Ospite















MessaggioInviato: Dom Nov 04, 2007 1:00 pm    Oggetto:  Misteri dionisiaci e Bacchanalia
Descrizione:
Rispondi citando

Importanti novità dagli scavi di Posidonia.
I nuovi scavi connessi alla necropoli del Gaudo hanno recentemente portato alla luce due tombe a camera di poco anteriori alla Tomba del Tuffatore (480-460 a.C.); l'interno delle tombe è dipinto con un apparato decorativo pressoché identico alla Tomba del Tuffatore: mancano però le scene figurate. L'ipotesi più probabile, a detta di Angela Pontrandolfo, una degli archeologi che ha scavato la zona, è che si tratti di una particolare necropoli connessa ad un santuario per il culto misterico di Dioniso. Lo confermerebbe la presenza di due "fosse di scarico" con i residui di quei riti: crateri, coppe, persino due lekitoi quasi intatte.
E questo ha indotto ad una nuova interpretazione delle scene figurate della Tomba del Tuffatore, in sequenza esattamente opposta alla precedente (cioè non più dal tuffo al simposio ma dal simposio al tuffo).
    1) L'adepto partecipa al simposio rituale in cui il vino induce al gioco, alla poesia e all'eros;
    2) L'adepto lascia l'eteria accompagnato da un fanciullo che suona l'aulos e da un altro dei membri; è nudo e incoronato come un atleta. Ciò potrebbe simboleggiare che la partecipazione ai misteri dionisiaci ha fornito all'adepto tutte le garanzie per il momento in cui lascia la vita;
    3) Il tuffo: l'adepto oltrepassa il limite della conoscenza (simboleggiato dal pilone) e si tuffa nelle acque scure della conoscenza infinita, acquisita attraverso i riti misterici.

Questo ha spinto anche a reinterpretare la cosiddetta "Tomba degli Atleti" di Taranto (480-460 a.C.): la tomba a camera è costruita esattamente come un andreion, con sette klinai addossate alle pareti e un cratere al centro; i defunti lì sepolti, tutti uomini, erano ornati da un diadema funerario e da uno strigile. Anch'essi sarebbero dunque membri di un'eteria dionisiaca, sepolti insieme in un'apposita necropoli probabilmente adiacente al santuario?
L'iscrizione di Cuma (475 a.C. c.a.) sembra portare in questa direzione.
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Dom Nov 04, 2007 1:00 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Tvllia

sagittarius





Età: 52
Registrato: 11/03/05 18:24
Messaggi: 2198
Tvllia is offline 

Località: Mvtina
Interessi: tanti
Impiego: impiegata


MessaggioInviato: Dom Nov 04, 2007 7:56 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Davvero interessante. L'archeologica (mia adorata! Very Happy ) ci fa scoprire sempre nuovi pezzi del nostro glorioso antico passato. Mr. Green
Sono sempre molto affascianta da questi importanti ritrovamenti... Cool

grazie Vesta per la notizia

_________________
Tvllia/Rita Lotti

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"Non troveremo mai la verità se ci accontentiamo di ciò che è già stato scoperto.
Quelli che hanno scritto prima di noi non sono dei padroni, ma delle guide.
La verità è aperta a tutti e non è stata ancora trovata per intero"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 53
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Sab Dic 22, 2007 12:48 pm    Oggetto:  Re: Misteri dionisiaci e Bacchanalia
Descrizione:
Rispondi citando

Vestia ha scritto:

    1) L'adepto partecipa al simposio rituale in cui il vino induce al gioco, alla poesia e all'eros;
    2) L'adepto lascia l'eteria accompagnato da un fanciullo che suona l'aulos e da un altro dei membri; è nudo e incoronato come un atleta. Ciò potrebbe simboleggiare che la partecipazione ai misteri dionisiaci ha fornito all'adepto tutte le garanzie per il momento in cui lascia la vita;
    3) Il tuffo: l'adepto oltrepassa il limite della conoscenza (simboleggiato dal pilone) e si tuffa nelle acque scure della conoscenza infinita, acquisita attraverso i riti misterici.


Indicativamente concordo con questa interpretazione, sebbene taluni elementi dello scenario allegorico debbano, a mio avviso, essere qualificati in modo diverso.
Il vino e l'eros rappresentano parametri disgreganti della ratio. Quest'ultima potrebbe essere assimiliata (mi si perdoni la similitudine) al Software o Sistema Operativo umano, che legge, interpreta e riveste il mondo circostante secondo regole predefinite, ma tuttavia convenzionali (ossia non reali). In questo senso il corpo, i suoi sensi e la sua esperienza governati da questo software, sono una sorta di prigione (si ricordi l'assioma Soma-Sema orfico, ossia il Corpo come Tomba).
Questa Ratio è rappresentata dalla Colonna o Pilone, che separa il mondo terreno (il suolo) e quello Celeste (il tetto) in due, configurando l'universo della realtà relativa umana, percepita come reale eppure fittizia.
Vino ed Eros (ma invero anche altri elementi che troviamo in altri culti) determinano una disgregazione di questo filtro, una sorta di Virus del Software. Questa "rottura" della Ratio non può essere considerata come una ascesa verso il cielo, piuttosto come una caduta, una discioglimento.
Ecco allora l'abbandono del Pilone e il tuffo in un ambiente liquido, ad indicare un varco nel suolo.
La stessa nudità rappresenta la purezza, ossia la libertà momentanea dalle catene del "software", condizione indispensabile al fine di accedere a quella conoscenza costituita dalla vera "concatenazione" delle cose, Logos e Verbo (si confronti ad esempio la pesatura del cuore con la piuma da parte del dio-cane/sciacallo Anubi).

E' tuttavia questa, solo una fase.

_________________
Dario Battaglia
Per correttezza, si prega di riportare la fonte degli argomenti qui discussi nel caso vengano girati e argomentati su altri forums
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Progetto Pietas Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008