Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

L'Aquila legionaria.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Signa et Imaginis
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Dom Giu 04, 2006 3:15 pm    Oggetto:  L'Aquila legionaria.
Descrizione:
Rispondi citando

Questo argomento dovrebbe rientrare in una sezione "EQUIPAGGIAMENTO"


L'aquila legionaria era d'oro o d'argento come qualcuno sostiene?
E ancora: nelle varie legioni potevano esserci differenze nella forma, nelle dimensioni e nella sua raffigurazione?

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Dom Giu 04, 2006 3:15 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
cratos

Miles






Registrato: 21/03/05 12:30
Messaggi: 83
cratos is offline 






MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 2:10 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

A dire la verità non so, ma mi incuriosisce anche perchè questo animale e non un altro............................ ad esempio il lupo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 27
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 2:38 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Rispondo a cratos
A Roma l'aquila era l'animale sacro, Caio Mario la introdusse come stendardo assieme ai fulmini e alla corona d'alloro.
Con il principato divenne simbolo dell'imperatore.
Alcuni sostengono che gli avvoltoi avvistati da Romolo altro non fossero che aquile ma chissà...
Comunque non facciamoci ingannare dalla Lupa che allatta Romolo e Remo, i due fratelli furono aggiunti in seguito all'originale scultura da Antonio del Pollaiolo; per il resto non mi risulta che vi fosse questa grande iconografia riguardante la Lupa.

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Rufus

Gladiator





Età: 56
Registrato: 27/03/06 14:15
Messaggi: 473
Rufus is offline 

Località: bononia




MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 5:53 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

A me risulta che l'aquila fosse l'animale sacro a Giove, il lupo quello sacro a Marte ed infine il cinghiale quello sacro a Quirino (così sostiene Dumezil)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 51
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 9:51 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Osservo con grande piacere che il nostro Flavio Stilicone è ben preparato.
Non ho approfondito più di tanto l'argomento, ma le fonti attestano per certo la scelta dell'aquila come simbolo legionario da Mario in poi.
Tale istituzione rimarrà praticamente sino al termine della storia romana.
Non solo il signum aquilino è il simbolo delle legioni, ma anche gli scuta legionari vengono rappresentati con le ali speculari dell'aquila (simbolo di Giove, supero e infero al contempo), e coi suoi fulmini (anch'essi speculari).
Flavio ha tuttavia affermato che anche la corona d'alloro era un simbolo legionario. Hai modo Flavio di fornirmi le fonti in proposito?
Ti spiegherò poi il perchè, ed è molto molto interessante.

_________________
Dario Battaglia
Per correttezza, si prega di riportare la fonte degli argomenti qui discussi nel caso vengano girati e argomentati su altri forums
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Flavius Stilicho

Consul





Età: 27
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 9:58 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Non ho avuto il tempo di verificare le fonti... Embarassed
Spero di non aver detto qualche "strafalcione" anche perchè ho sempre saputo che corone d'alloro venissero poste in capo ai generali nei trionfi

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Flavius Stilicho

Consul





Età: 27
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 10:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ho appena trovato la fonte che cercavo Mr. Green
E' il tuo articolo su Hoplomacha Gymnasia

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 51
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Mar Giu 20, 2006 10:33 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

No, nessuno strafalcione Flavio.
E' solo che l'iconografia tende ad attestare quasi sitematicamente i signa 'laureati' per le coorti, e non per le legioni. In genere è l'aquila stessa ad avere le ali 'coronate', oppure tale vegetale è tenuto tra i suoi artigli.
Personalmente non conosco fonti antiche che attestino la corona d'alloro come simbolo legionario. Eppure noi vediamo questo simbolo (peraltro raramente) sugli scudi, e sui signa.
Non dimentichiamoci peraltro che i motivi floreali e vegetali, rappresentano quasi sistematicamente i simboli delle coorti ausiliarie (non quelle etniche però, ma quelle armate alla romana).
ALtri signa Ausiliari sono temi mitologici: così vediamo alcuni signa ausiliari, e persino lo scudo ausiliario (quello rettangolare) di Dura Europos.

_________________
Dario Battaglia
Per correttezza, si prega di riportare la fonte degli argomenti qui discussi nel caso vengano girati e argomentati su altri forums
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Claudio Nerone

Ospite















MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 9:58 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La corona d’alloro dovrebbe essere in effetti un simbolo coortale, raffigurato ad esempio su molti scudi di fanti e cavalieri ausiliari nella Colonna Traiana, mentre più raramente troviamo questo simbolo associato ad una legione.
L’emblema della legio XXX Ulpia Victrix, raffigurato sugli scudi di questa unità, era perlappunto una corona d’alloro, come riportato da Lino Rossi in “Trajan's Column and the Dacian wars”. Alla formazione di questa unità, reclutata in coincidenza della I guerra dacica, potrebbe essersi provveduto mediante l’incorporazione di auxilia che, avendo ben meritata la cittadinanza romana grazie all’ottimo servizio svolto, assumevano lo status adatto al servizio legionario. La corona raffigurata sugli scudi della XXX potrebbe quindi contrassegnare una sorta di legame tra gli auxilia divenuti cittadini romani ed il loro nuovo status di legionari.


Valete
Torna in cima
Claudio Nerone

Ospite















MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 11:25 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ovviamente, come si evince soprattutto dagli studi sui papiri egiziani (v. lavori di Sergio Daris), sono testimoniati diversi casi di legionari non cittadini romani.
Normalmente però il legionario era anche cives.


Valete
Torna in cima
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 51
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 11:25 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Infatti mi pareva che l'alloro fosse legato alle coorti (come signum) e più in generale agli Auxilia (come scudo). ALcuni rilievi di epoca cesariana a Narbonne mostrano i tipici ovoidali con decorazioni della corona di Lauro e altri identici con folgori alate. Altri rilievi dalla Trirgme di Preneste (tardo I a.C) mostrano volute floreali, in netta contrapposizione alle sole ali di Aquila del medesimo rilievo; della medesima epoca (augustea) in un mosaico di Preneste abbiamo l'ennesimo ovoidale con i coni attorcigliati sulla direzione dell'Axis Mundi intersecati dalle più tipiche folgori.
In effetti sambrerebbe sistematica la differenziazione tra i simboli Legionari di Giove, ed altri motivi floreali.

_________________
Dario Battaglia
Per correttezza, si prega di riportare la fonte degli argomenti qui discussi nel caso vengano girati e argomentati su altri forums
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
cratos

Miles






Registrato: 21/03/05 12:30
Messaggi: 83
cratos is offline 






MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 12:00 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ave Flavio Stilicone
e a tutti gli onorevoli menbri che finora sono intervenuti

….navigando in rete ho trovato dell'altro.

Infatti non a caso l'aquila era stata scelta come simbolo della legione, poiché era si un animale sacro , ma i romani credevano che era quello che meglio interpretava i voleri di Giove, come dice anche il praetor "sacro a Giove"……..Di qui il fato che Caio Mario Caio Mario la introdusse come stendardo assieme ai fulmini?…Non so..

Interessante… non sapevo queste fatto della lupa con i gemelli.

Ciò che mi chiedo ora è perchè usare un animale sacro a Giove nella legione, che era il nucleo dell'esercito, e non dare omaggio al Dio Marte?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 27
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 12:50 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Per quanto riguarda il culto di Marte so che inizialmente era venerato come dio della vegetazione.
Giove in quanto padre degli dei (paterfamilias) era colui che meglio conosceva la volontà del Fato, se ora pensiamo all'uso a Roma dell'ornitomanzia risulta ovvio che debba essere un uccello l'animale sacro di Roma ma ancora di più lo sarà quell'uccello che uccide tutti gli altri.
Spesso gli auguri vedevano le aquile cacciare gli altri uccelli e nelle battaglie successive Roma vinceva, da lì a far coincidere Roma con l'aquila il passo fu breve...

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 51
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 12:59 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ave Claudio Nerone.
I milites che si vedono nella colonna Traiana dotati di corazza a segmenti e scudo rettangolare decorato con Alloro, dovrebbero essere Auxilia a pieno titolo. Le decorazioni del loro scudo sono identiche a quelle di altri fanti dotati di scudo ovoidale, compresi molti cavalieri ausiliari.
Non credo alla versione che questi (unici in tutta la colonna ad avere scudo rettangolare con alloro) fossero alcuni Auxilia che ‘annessi’ alla Legione XXX, trattenessero i simboli della coorte ausiliaria di provenienza. Qualunque annessione di milites coortali alla legione implicava il loro passaggio automatico alla posizione di Legionari a pieno titolo, persino se non erano civites. Accadeva anche il contrario: il passaggio di Legionari a Coorti ausiliare determinava il passaggio amministrativo a miles auxiliarius, anche se già cittadino romano.
Ugualmente doveva accadere per i simboli sugli scudi: a questo riguardo basti vedere la precisione con cui la colonna Traiana evidenzia accuratamente le Ali Legionarie, caratterizzate da scudi con ali e fulmini, rispetto alla maggior parte di altri reparti di cavalleria caratterizzati da motivi floreali (vedasi mio allegato).
Come ben sapete d’altronde, non ho mai creduto a sostanziali differenze nelle gamme d’equipaggiamento tra Legionari e Auxilia romani (esclusi ‘numeri’ e reparti etnici), soprattutto in questo periodo. Ma questo è un altro discorso…
Naturalmente è possibile ammettere anche che l’alloro fosse un simbolo legionario. Non vi sono prove di ciò, ma se così fosse bisognerebbe riaprire l’argomento su tutte le figure ‘laureate’ della Traiana.

Ave valoroso Cratos
Credo che la scelta dell'aquila rispetto al Mars Pater, sia da vedere in relazione al principio della Giustizia e del Giusto, o Ius Pater (Iuppiter). E' un principio che lega la Legione a Roma, inteso come Fides-Fedeltà.
La Legione non è più potente di un insieme di coorti addestrate alla romana, comandate da ufficiali romani. Ma il Legionario è "legato" a Roma da un patto sacro. Se così non fosse ogni Legione potrebbe costituire una forza a sè, contrapponibile a Roma stessa, Stato essa stessa...
Capisci che qui la figura di Giove va oltre l'esercito in sè, che come puro strumento bellico si incarna invece e perfettamente in Mars e il Lupo.
A differenza di Marte, l'aquila rappresenta invece un simbolo che ha connotazioni politiche.

_________________
Dario Battaglia
Per correttezza, si prega di riportare la fonte degli argomenti qui discussi nel caso vengano girati e argomentati su altri forums
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
cratos

Miles






Registrato: 21/03/05 12:30
Messaggi: 83
cratos is offline 






MessaggioInviato: Mer Giu 21, 2006 1:36 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Quindi, se non ho capito male, un legionario si considera figlio del Dio Marte in Quanto miles,ossia lo venera o lo invoca con l'addetsramento o in battaglia, però sulla sua testa svetta l'aquila che sta a ricordargli il sacro patto con Roma...

Grazie per i chiarimenti Tribuno......
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Signa et Imaginis Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008