Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

domandina.....
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Lingua latina
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Remvs

Ospite















MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 11:52 pm    Oggetto:  domandina.....
Descrizione:
Rispondi citando

non so se è la sezione adatta...però visto che è la sezione "linguistica"......
avrei un quesito semplice da rivolgere, mi è venuto perchè nella sezione delle barzellette, ma non solo, ho notato come il nostro arsdimicandi usi sovente l'appellativo di "quiriti" per i romani....a memoria mi sembra che l'appellativo "quiris" "quirite" era riservato (almeno Caio Giulio Caesar lo usava così) ai civili che non avevano prestato servizio nelle legioni o, peggio ancora, agli ammutinati come spregiativo......
Quirino è uno dei Dei di ROMA, rappresenta la Romanità di per se, però non mi pare sia l'appellativo più adatto da usare verso dei Legionari Wink
vi prego, correggetemi se sbajo!!! Rolling Eyes
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 11:52 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Dom Lug 17, 2005 9:26 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Considerazioni filologicamente esatte Remus. Smile
Era proprio come hai detto anche se bisogna tenere conto delle modifiche subite dalle lingue nel corso dei secoli e dall'uso più o meno esatto che i fruitori poi ne fanno. Tuttavia, nel parlar corrente di oggi, credo non ci sia più questa distinzione che invece originariamente faceva la differenza. (Eccome! Wink )
Forse il nostro buon ed erudito Bibliolathas, (ma a proposito ci priva da molto della sua presenza!) se si muove a compassione per la mia essenzialità esplicativa, potrà aggiungere chiasà quanto ancora! Very Happy

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Lun Lug 18, 2005 12:32 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Secondo una etimologia poco chiara, non assoluta, Quiriti deriva dal nome degli abitanti di Cures, città sabina che mentre era in vita Romolo si unirono ai Romani formando un solo popolo, e che fu aggiunto al nome Romani..
Da allora si chiamarono Quiriti nei rapporti civili mentre mantennero quello d Romani nei rapporti politici e militari (Liv. 1, 13, 5), o si chiamarono con i due nomi insieme in antiche formule: "Populus Romanus Quiritium" (Liv. 1, 32, 13); o fu usato in opposizione: "Populus Romanus Quirites" cioè dell'antica stirpe (Il popolo Romano dei Quiriti) (Liv. 5, 41, 3).
[Una orgoglosa e campanilistica distinzione?].

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Caesar

Tribunus






Registrato: 15/03/05 23:09
Messaggi: 519
Caesar is offline 






MessaggioInviato: Lun Lug 18, 2005 12:41 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Proprio come ha detto Remvs, con "Quirites" non ci si riferiva ai militari, nè lo si rivolgeva loro dato che per essi era uno dei peggiori oltraggi immaginabili (Che i Quiriti, originari abitanti di Cures, fossero esentati per precauzione dal servizio in armi?!??).
Significava infatti "popolo adunato e occupato soltanto alle pacifiche faccende del foro (Caes. 70, Tac. ann. 1, 42).

_________________
Caesar
Pietro Silva
Milovan Gilas scrisse che la memoria tende a modificare i fatti per farli quadrare con le necessità del presente.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 53
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2005 1:22 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Argomento spinoso, se estratto dal Forum Umoristicus Wink
Chi sarebbero i Romani e chi i Quiriti, al di là di rare espressioni letterarie, come quelle di Lucano, Svetonio, Tacito e Cesare nel senso di "ignominoso per i militari"?
Se i Quiriti sono i Sabini di Tito Tazio (e non c'è dubbio)... i Romani sono quelli di Romolo? Ma quali romani? Esistono dei "romani" al tempo di Romolo? Quante etnie, a partire da quella latina, rappresenterebbero i romani?
Vedo soluzioni più razionali. Quando una multi-borgata e multi-collinare confederazione come la Roma romulea, necessita di aggregare popolazioni per diventare un mercato, mercato il quale attira immigrati, immigrati i quali necessitano di servizi (spendere) e lavoro (guadagnare), ecco che tutto ciò che ha che fare con le relazioni interne (il cuore sociale ed economico di Roma), viene dedicato a Quirino.
I nemici di roma non hanno la più pallida idea di come la multi etinia, la multilingue e la multi religiosa Roma, affronti questi problemi. Contro di loro c'è una sola divinità: Marte. Lui è il ministro degli esteri! Il nome a lui associato è Roma.
Tra Etruschi, Latini, Volsci ed Equi... che compongono la stratificazione sociale della Roma arcaica e alto repubblicana, il nome Roma non vale più di quanto non valga oggi il termone Italia a Napoli, Bergamo, Palermo o Udine: la nazionale di calcio (ossia le Legio), i vantaggi a una dogana, o l'idea nazionale di aggressione da parte di eventi terroristici.
Ma dentro l'Italia, per le relazioni tra italiani e italiano... chi si sente italiano?
Dentro l'antica Roma dei 7 collli chi è romano?
Che forse il nipote di un immigrato tunisino in Inghilterra si sente Inglese? Forse un immigrato italiano in California si sente veramente americano?
Quiriti sono i cittadini romani (Orazio, Ovidio), il Populus nell'acronimo SPQR. Lo stesso popolo che verrà inflazionato dalla romanizzazione universale, e che Virgilio definirà come gli abitanti dell'alveare, della metropoli, dell'Urbe viziosa (i quiriti, i bauscia milanesi e i borgatari de roma)
Ecco che i soldati sono esaltati da Cesare come qualcosa di speciale e di diverso dagli stessi cittadini romani che godono di Pane e Circo, Terme e quant'altro offra la pace garantita dalle legioni in Gallia o Germania.
Nel momento stesso in cui la letteratuta attesta una diversità tra romani e quiriti nel campo politico-militare, il popolo metropolitano che per secoli fu vivaio di soldati e commercianti, di padri e di madri con cui nutrire le aquile di Roma, venne meno.
Caio Mario ne sa qualcosa. Cesare pure...
Tacito racconta della de-italianizzazione delle Legioni in epoca imperiale. E nelle legioni probabilmente, degli antichi Quiriti di Roma, intesi come i romani de Roma, non v'è più traccia dal I secolo a.C.
Una potenza inaudita quella organizzativa, economica e politica di Roma, gestita da qualsiasi personaggio dotato di cittadinanza. Certo non era quirite Arminius il germanico (mi perdoni il ns. Arminius), seppur romano, o piuttosto Attila, Romanus romanissimus, ma che mai avrebbe commesso ciò che commise se fosse stato un Quirite!
Perdonate. Ho una mentalità maledettamente militare Embarassed
Ma siamo proprio sicuri che nell'ambito delle Legioni, il termine romanus sia veramente meglio di quirite? E' così perchè lo dice Cesare, che sta per fondare l'Impero fottendosene dalla Roma dei Quiriti stessi che l'anno fondata e nutrita per secoli, oppure è così perchè pensate che tra i romani vi sia una razza sottosviluppata e ignobile di origine sabina?
Una razza così ignobile da essere ben separata dai romani/legionari di origine siriana-gallica-germanica-persiana-libanese-iberica-basca-mauritana-illirica-greca-britannica-eccetera, eccetara, eccetera?
Scusate ma... questo è un sito di archeologia sperimentale. Qui è fondamentale "pensare" e non riportare cose dette. Qui bisogna mettere sotto inchiesta chiunque, a partire da Cesare, Tacito o Arriano, se quel che dice è contraddittorio.
Avanti Romani, dimostriamo di essere Quiriti!
Allora forse, scopriremo il senso della più recondita Romanità!!!!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2005 10:39 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Rifuggo dall'ideologia in genere e per me le cose non sono mai schematiche o peggio manichee con netta demarcazione. Tutto muta con gradualità e sfumature e dietro ogni cosa c'è un precedente sviluppo che l'ha fatto divenire così come lo percepiamo, al momento considerato, con i nostri sensi e con la nostra ragione.
Anche la classificazione Romani e Quiriti resta una cosa semplificatoria di più pronta comunicatività, perchè volta alla generalità del popolo, che non una esposizione delle differenze. Essa poi si riallaccia alla differenza, a suo tempo più evidente e naturalmente di fazione romana, che intende in tal modo far emergere la superiorità dei vincitori (I Romani) celebrandola con il formulare la classificazione stessa.
Forse proprio perchè quei Romani, abitatori dei "romulei" o capanne circolari, erano disseminati su sette colli ed erano di etnie diverse, produttori e utilizzatori di risorse differenti, conviventi in una stessa area si vennero a trovare uniti inizialmente solo nel dio Marte per difendersi e non farsi predare le loro scorte alimentari dai vicini, che nacque quella prima differenziazione poi ampliata dalla letteratura.
E già da alcuni secoli, ritengo, doveva essere almeno confusamente attenuata questa differenziazione che Caesar provvide a far riemergere.
Si intuisce, da tante altre cose, come il suo scopo fosse legare maggiormente a se i soldati ai suoi ordini per raggiungere i suoi scopi. Già Roma e i Romani erano in quel periodo un entità cospomolita.

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Caesar

Tribunus






Registrato: 15/03/05 23:09
Messaggi: 519
Caesar is offline 






MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2005 10:48 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Lucidissima l'osservazione su Caesar e la sua capacità di strumentalizzare il prossimo proprio come molti storici lo vedono.
Caesar, notoriamente, era solito agevolare i propri legionari in tutte le loro aspettative per ottenere il meglio e nel più breve tempo manipolando le loro menti semplici mentre era particolarmente critico ed intransigente con i propri ufficiali anche, secondo alcuni storici, per non condividere con loro nessun merito.
Proprio perchè ne manipolava le menti semplici è ricorso all'esaltazione della differenza detta ma si avviava a fondare l'impero su quelle genti che di romano, come quello dei secoli precedenti, era rimasto molto poco se non nella pompa e nella retorica.

_________________
Caesar
Pietro Silva
Milovan Gilas scrisse che la memoria tende a modificare i fatti per farli quadrare con le necessità del presente.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Bibliolathas

Ospite















MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2005 6:45 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Omnibus sodalibus spd Bibliolathas

Ti ringrazio, ottimo Plinio, della fiducia, ma ahimè ti devo deludere:
non so aggiungere nulla a quanto già detto sopra da voi.
Quaeritisne (se è giusto...) "Quiriti"? Posso solo offrire un socratico so di non sapere...
...ma sono disposto ad imparare.

Pergamus ergo!

Valete quam optime, doctissimi viri
Torna in cima
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2005 11:24 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Bibliolathas Very Happy , è un piacere rileggerti e indipendentemente dalla tua elegante modestia spero di avere ancora la tua compagnia!
_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Remvs

Ospite















MessaggioInviato: Mar Ago 02, 2005 3:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Embarassed
io credevo, molto più semplicisticamente, che ci fosse in realtà una "contrapposizione" tra la terminologia legata al Dio Quirino (da cui, credevo, quirites) ed a Marte (quindi "martiali"??).
Però vedo che la cosa ha tanti risvolti, tutti molto interessanti...... Smile
bbene, bbene.....grazie Wink
Torna in cima
Flaviusardorum

Ospite















MessaggioInviato: Ven Giu 27, 2008 12:09 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dato che siamo in tema di lingua latina, vorrei chiede ai più esperti in che occasione si possono usare i seguenti termini:

MILITES, MILITUM e MILES.
Vale

PLINIUS INSERIT
Per chiarezza, dato che questo argomento è diverso dal Topic trattato sin'ora è opportuno che tutte le repliche continuino sul nuovo topic che Flaviusardorum aprirà in questo stesso forum "Lingua latina".
27-6-2008
Torna in cima
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Ven Giu 27, 2008 7:58 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Flaviusardorum,
questo è argomento diverso da "QUIRITES" e quindi devi aprire un nuovo Thread o argomento: sempre in questo stesso forum "Lingua latina".

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Raphael Petreius

Praefectus





Età: 27
Registrato: 06/09/08 16:34
Messaggi: 819
Raphael Petreius is offline 

Località: Lilianum
Interessi: L' Ars Dimicandi, armi, strategia militare antica, storia romana e antica ( ma anche moderna), Harry Potter
Impiego: Universitario e Combattente amatoriale :D


MessaggioInviato: Mar Ott 07, 2008 11:09 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ma che insulto! Quando i generali chiamavano i propri uomini Quirites, questi si rinvigorivano, erano spronati a dare i massimo, essi erano pervasi da un sentimento di orgoglio che li spingeva a gesta valorosissime. "O Quirites!" equivaleva a "Figli del Divino Quirino", in atre parole " Figli degli Dèi"! spiegatemi dov'è l'insulto...
P.s. non fraintendete, nonostante il tono sia fervente ed acceso, non è un "attacco" a qualcuno, c'e qui solo la voglia di esprimere il mio parere, senza discriminare leopinioni altrui, quindi vi prego nn fraintendete, non ci sono significati reconditi...

_________________
"Mors est dulcis et honesta si accipiatur pro patria, Roma"

" - Romani, sumus filii Lupae Capitolinae!!
- Mars Exurge!"


Raphael Petreius /Raffaele Pirozzi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Lingua latina Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008