Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Le cohorti equitate.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Tecnica e tattica militare
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Mer Feb 10, 2010 8:53 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Continuando ad alimentare questo OT, dato che il tema originario era la cohorte equitata e non la maggiore gittata degli archi dei parthi (per carità accetto anche questo fuori tema senza adombrarmi Smile ) diciamo subito che, e chiaramente, i rimedi erano pochi ma esistenti.
Un primo sistema era di fare la testudo e contemporaneamente avviare un'azione di neutralizzazione degli arcieri parthi.
Un secondo sistema era quello di costringerli a combattere a distanza tanto ravvicinata da impedire loro l'uso degli archi.: vedi appunto sui monti come scelse di fare Antonio del 2° triumvirato nella sua strada di ritorno.

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Adv



MessaggioInviato: Mer Feb 10, 2010 8:53 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Flavius Stilicho

Consul





Età: 29
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Gio Feb 11, 2010 1:02 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

evo ha scritto:
I Palmirensi erano arcieri a cavallo o appiedati?


I Palmirensi erano persone come tutti le altre, e in quanto tali erano in grado di ricoprire ogni ruolo presente all'interno dell'esercito (basti pensare che il regno di Palmira riuscì ad ottenere per un certo tempo perfino l'indipendenza dall'impero, immagino non l'abbiano fatto con i soli arcieri, a cavallo o a piedi che fossero Wink )

Comunque posso dirti che dalla Notitia Dignitatum mi risultano due sole unità (tutte nella Pars Orientis) che portino il nome di Palmira:

Ala octava Palmyrenorum, Foenicionis
Cuneus equitum secundorum clibanariorum Palmirenorum.

ciò non toglie che Palmirensi potessero militare in altre unità come, ad esempio:

Nella pars occidentis:

Equites sagittarii clibanarii.
Equites sagittarii Parthi seniores.
Equites primo sagittarii.
Equites secundo sagittarii.
Equites tertio sagittarii.
Equites quarto sagittarii.
Equites sagittarii Parthi iuniores.

O, più probabilmente, nella pars orientis:

Equites promoto indigenae, Auatha.
Equites promoti indigenae, Nazala.
Equites sagittarii indigenae, Abina.
Equites sagittarii indigenae, Casama.
Equites sagittarii indigenae, Calamona.
Equites Saraceni indigenae, Betproclis.
Equites Saraceni, Thelsee.
Equites sagittarii indigenae, Adatha.

Tutti nomi di città facenti capo alla Dioecesis Orientis, che sostanzialmente coincideva con l'ex regno di Palmira. Se ne dedurrebbe una certa propensione, nel tardo impero, ad usare le popolazioni della zona prevalentemente come cavalleria leggera perché all'interno delle già scarse unità di "sagittarii non equites" abbiamo solo, nella pars orientis:

Comites sagittarii Armeni.

Sagittarii seniores Orientales.
Sagittarii iuniores Orientales.
Sagittarii dominici.
(facenti parte nientemeno che degli auxilia palatina)

Auxiliarii sagittarii. (pseudocomitatenses)

Questo "assaggio" può dare l'idea di quanto l'esercito Romano si fosse adattato ai propri avversari (cosa che fece ininterrottamente dalla fondazione di Roma alla caduta di Bisanzio Wink )
Smile

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Tvllia

sagittarius





Età: 52
Registrato: 11/03/05 18:24
Messaggi: 2198
Tvllia is offline 

Località: Mvtina
Interessi: tanti
Impiego: impiegata


MessaggioInviato: Gio Feb 11, 2010 7:30 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Evo, i cavalieri partici erano sì armati di arco e frecce, ma non di scudo. Al contrario una formazione come quella romana aveva egregiamente la possibilità di ripararsi efficamente con gli scudi di fanteria. La formazione romana era sì bersaglio di frecce, ma poteva ugualmente avanzare, mentre i cavalieri partici quando venivano colpiti venivano colpiti, e non avevano difesa se non la fuga.
_________________
Tvllia/Rita Lotti

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"Non troveremo mai la verità se ci accontentiamo di ciò che è già stato scoperto.
Quelli che hanno scritto prima di noi non sono dei padroni, ma delle guide.
La verità è aperta a tutti e non è stata ancora trovata per intero"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
evo

Tiro






Registrato: 22/01/10 23:45
Messaggi: 31
evo is offline 






MessaggioInviato: Gio Feb 11, 2010 2:02 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Quindi se ho ben capito la strategia adottata era formare una testudo avanzare e poi colpire i cavalieri parti con proiettili e giavellotti, naturalmente successivamente la legione arruolo' anche degli arcieri per avere maggiore copertura.
_________________
Gennaro Fratino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Tvllia

sagittarius





Età: 52
Registrato: 11/03/05 18:24
Messaggi: 2198
Tvllia is offline 

Località: Mvtina
Interessi: tanti
Impiego: impiegata


MessaggioInviato: Gio Feb 11, 2010 8:19 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Da quello che scrive Plutarco, pare proprio fosse quella la tattica. Ma già con Antonio, sicuramente esistevano reparti di arceri nell'esercito romano. Però frombolieri e velites erano in gran numero.
_________________
Tvllia/Rita Lotti

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"Non troveremo mai la verità se ci accontentiamo di ciò che è già stato scoperto.
Quelli che hanno scritto prima di noi non sono dei padroni, ma delle guide.
La verità è aperta a tutti e non è stata ancora trovata per intero"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Silla

Praefectus





Età: 36
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Gio Feb 11, 2010 11:30 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Se la memoria non m'inganna, già con la seconda guerra punica, il buon tiranno di Siracusa fornì i Romani di peltasti e arceri cretesi - Polibio ne parla.

Ma torniamo alle coorti equitate, grazie... Cool

_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 29
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Ven Feb 12, 2010 12:10 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Silla ha scritto:
Ma torniamo alle coorti equitate, grazie... Cool


Direi intanto di definire, per bene, una volta per tutte, da quando a quando sono attestate e, nella fattispecie, da quali fonti e in quali contesti Smile

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
evo

Tiro






Registrato: 22/01/10 23:45
Messaggi: 31
evo is offline 






MessaggioInviato: Ven Feb 12, 2010 12:51 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ma i soldati delle cohorti equitate che armamento avevano? Avevano lo scudo piatto? Che tipo di Armatura? E da in che periodo specifico nacquero?
_________________
Gennaro Fratino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Mar Feb 16, 2010 4:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Riprendendo il tema, dunque Cesare aveva compreso bene l'utilità dell'impiego della cavalleria e presto ne ampliò l'uso.
Fu in questa fase che, soprattutto per il ricordato teatro delle operazioni costituito da aree circoscritte, boschive o accidentate, finì che la sua cavalleria affiancò con costanza i fanti proprio come aveva visto fare da alcune tribù celtiche, che finì per copiare.
Così ne parla Cesare nel De Bello Gallico.
Questo è quel poco che so. Interessante mi sembra sviluppare le tue conoscenze, Silla

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Caesar

Tribunus






Registrato: 15/03/05 23:09
Messaggi: 519
Caesar is offline 






MessaggioInviato: Mar Feb 16, 2010 4:40 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

L'impiego di questa nuova unità traeva vantaggio dalle caratteristiche dei due corpi combinati.
I milites avevano il supporto dei celeres che con il loro intervento riducevano l'azione difensiva dei fanti avversari. I milites poi, a loro volta, mettevano in difficoltà i cavalieri avversari quando questi si battevano contro i celeres.
Un scontro siffatto non poteva che avere esito negativo per il nemico che si trovava così di fronte due avversari con due tecniche di combattimento differenti.

_________________
Caesar
Pietro Silva
Milovan Gilas scrisse che la memoria tende a modificare i fatti per farli quadrare con le necessità del presente.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Sab Feb 20, 2010 12:02 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Di sfuggita, ma eccomi. Un saluto cordiale a tutti.
Questo argomento mi è poco noto e di esso so soltanto che Cesare osservò la tattica di alcune unità belliche dei Sicambri, costituite proprio da fanti e cavalieri che combattevano mischiate.
C'è letteratura in merito oltre al De Bello Gallico? E ancora, in esso Cesare parla sufficientemente della tattica osservata e della costituzione della cohorte equitata?

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GLADIVS

Consul





Età: 32
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Dom Feb 21, 2010 1:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

dico una stupidata se cesare dice che i fanti erano così allenati che correvano aggrappati alle criniere dei cavalli?
_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Silla

Praefectus





Età: 36
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Dom Feb 21, 2010 2:47 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ciò è molto interessante perchè anche i Greci avevano una formazione tipo quella citata sopra: gli hamippoi erano dei fanti leggeri che seguivano da vicino la cavalleria. Sembra che la prima attestazione sia ai tempi di Gelone di Siracusa - V secolo a.C. Poi compaiono tra i Greci della Guerra del Peloponneso e del IV secolo a.C.

Simile a questi è il reparto di leggeri romani - detti veliti da Livio - che durante la seconda guerra punica furono istituiti per fronteggiare la cavalleria campana - mi pare. Questi fanti sarebbero stati armati di giavellotti e portati dai cavalieri sul luogo dello scontro per poi scendere e combattere i cavalieri nemici.

_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 29
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Dom Feb 21, 2010 3:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Silla ha scritto:
Ciò è molto interessante perchè anche i Greci avevano una formazione tipo quella citata sopra: gli hamippoi erano dei fanti leggeri che seguivano da vicino la cavalleria.


Sbaglio o nel film Alexander si vedono in azione contro i Persiani?

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Silla

Praefectus





Età: 36
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Dom Feb 21, 2010 3:37 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Non lo so e non parlatemi del film alexander, grazie Cool Very Happy
_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Tecnica e tattica militare Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008