Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

La scrittura tra potere e guerra
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> La guerra come strategia politico-economica e militare
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Maecenas

Veteranus





Età: 60
Registrato: 29/12/06 22:08
Messaggi: 195
Maecenas is offline 

Località: Milano
Interessi: storia, trekking, sport, fotografia
Impiego: Logistica
Sito web: http://www.enricopanta...

MessaggioInviato: Sab Giu 28, 2008 10:53 pm    Oggetto:  La scrittura tra potere e guerra
Descrizione:
Rispondi citando

Pensiamo all'antica Grecia ed alla sua successione da parte di Roma, prendiamo il bacino mediterraneo, comune ad entrambe le civiltà, prendiamo le circa 500000 iscrizioni dell'Urbe ancora visibili (una parte certamente rispetto a quello reali del tempo) più i grandi ritrovamenti greci e scopriremo che in entrambe le civiltà il livello di comprensione degli scritti doveva essere
decisamente notevole così come quelo dello scrivere.
I romani svilupparono successivamente l'alfabeto greco, ripreso al tempo da quello fenicio, ma soprattutto rispetto ai greci essi, grazie al prezioso contributo della scrittura, ampliarono quello che in origine era un utilizzo di tipo mercantile e commerciale in quello che divene poi un utilizzo al fine di costruire e salvaguardare il potere dello stato ovunque esso fosse rappresentato: si trattava quindi di un'alfabetizzazione di massa tra i nobili, attuato con ogni probablità tra gli stessi militari durante le lunghe marce .
Del resto il potere e di conseguenza le gerarchie militari non avrebbero mai potuto fare a meno di questo prezioso strumento divenuto anche importante per consolidare l'ideologia della conquista e dell'espansione.

_________________
Gli Spartani non chiedono quanti siano i nemici,ma dove sono.....

Enrico Franco Pantalone


Ultima modifica di Maecenas il Dom Giu 29, 2008 8:22 am, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Adv



MessaggioInviato: Sab Giu 28, 2008 10:53 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
GLADIVS

Consul





Età: 31
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Dom Giu 29, 2008 1:08 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Si ma Roma, nonstante l'abnorme quantità di epigrafi conservate dal punto di vista dei volumina papiracei era in nettissima inferiorità rispetto alla grecia, infatti nelle stesse biblioteche del mondo romano si conservavano nella maggior parte dei casi opere greche che erano estremamente diffuse in forma papiracea, roma ha raggiunto il "pareggio" dopo alcui secoli in cui le opere latine scarseggiavano, l'alfabeto latino inoltre è frutto di una mediazione etrusca di quello greco, che affonda le sue radici nel fenicio e ancor prima nel cananeo.
Per quanto riguarda l'alfabetizzazione nell'impero, soprattutto nel periodo classico, si ebbe un picco di alfabetizzazione della popolazione che è stato eguagliato solo dopo la rrivoluzione industriale, in pratica l'altro ieri...e non in tutte le parti del mondo ovviamente (basti pensare al diffuso analfabetismo in Italia delle classi più povere fino a metà del secolo scorso...)

_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Tvllia

sagittarius





Età: 50
Registrato: 11/03/05 18:24
Messaggi: 2195
Tvllia is offline 

Località: Mvtina
Interessi: tanti
Impiego: impiegata


MessaggioInviato: Dom Giu 29, 2008 7:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dalla quantità e varietà degli scritti ritrovati in ambito romano, si capisce che l'alfabetizzazione allora era davvero molto diffusa. Pensiamo alla quantità enorme delle epigrafi statali o municipali, pensiamo alle onnipresenti didascalie su monumenti o statua, pensiamo alle sterminate necropoli per la maggior parti parlanti; come non pensare poi alle pubblicità dipinte sui muri delle cittadine romane grandi e piccole (non c'erano solo a Pompei... Very Happy ), pensiamo ai graffiti che chiunque tracciava sia in casa sia al di fuori, per COMUNICARE a tutti coloro che leggevano un qualcosa.

Questi esempi dimostrano che moltissimi abitanti del mondo romano sapevano leggere. Di certo sono livelli che effettivamente solo di recente l'Europa e l'Italia hanno eguagliato.
I militari romani poi, furono uno strumento di diffusione incredibile. E l'essere parte dell'impero romano comportava in primis sapere leggere e scrivere perchè lo stato romano si fondava soprattutto sulla scrittura.

Che civiltà meravigliose! Very Happy

Valete

_________________
Tvllia/Rita Lotti

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"Non troveremo mai la verità se ci accontentiamo di ciò che è già stato scoperto.
Quelli che hanno scritto prima di noi non sono dei padroni, ma delle guide.
La verità è aperta a tutti e non è stata ancora trovata per intero"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Maecenas

Veteranus





Età: 60
Registrato: 29/12/06 22:08
Messaggi: 195
Maecenas is offline 

Località: Milano
Interessi: storia, trekking, sport, fotografia
Impiego: Logistica
Sito web: http://www.enricopanta...

MessaggioInviato: Lun Giu 30, 2008 10:44 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Beh Tullia e Gladius, il momento forse decisivo affinchè la scrittura iniziare ad esercitare quel potere importante fu a cavallo tra il VI ed il V secolo, e siamo in Grecia, dove iniziano ad estendersi materialmente a più gente la comprensione delle lettere che permetterono di riportare le leggi per iscritto e d'imporre l'ostracismo ad un politico indesiderato nelle polis, infatti il voto veniva scirtto su una tavoletta di coccio e di voti validi dovevano essere almneo 6000 a favore.....
_________________
Gli Spartani non chiedono quanti siano i nemici,ma dove sono.....

Enrico Franco Pantalone
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
GLADIVS

Consul





Età: 31
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Lun Giu 30, 2008 11:01 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

appunto! ci sono avuti picchi che solo oggi si eguagliano!
_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Flavius Stilicho

Consul





Età: 28
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Dom Lug 06, 2008 1:41 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La cultura e la schiavitù non vanno molto d'accordo... E il Medioevo, si sa, è stata un'epoca in cui il diritto civile si insegnava sulla punta di una spada e buona parte della popolazione era completamente in balìa del signorotto locale.

A che serviva saper leggere le leggi emanate dal Re quando si sapeva che si sarebbe imposta sempre e comunque la volontà di una sola persona?

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
GLADIVS

Consul





Età: 31
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Dom Lug 06, 2008 10:15 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Quali leggi? La scrittura nel medioevo era strettamente legata alla religione, solo i chierici e una ristretta parte della nobiltà sapeva leggere scrivere e fare di calcolo...
_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Silla

Praefectus





Età: 35
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Dom Lug 06, 2008 10:59 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ma quale medioevo? forse all'epoca dei longobardi o di Carlo Magno...

Ma dopo, dal XI secolo in poi in Italia con lo sviluppo dei comuni le cose cambiano e di molto.... Il potere si sposta dalla chiesa cittadina alla casa del podestà... In alcuni centri il governo è retto da 2 consoli, e la gente scriveva... Non limitiamoci ai soliti luoghi comuni...
ci sono rimaste le cronache cittadine, in cui si scrivevano i fatti più importanti anno per anno... Si redigevano contratti (per l'usura o meno.... Wink ), e non erano scritti da clerici o nobili, visto che i comuni non erano retti nè da clerici nè da nobili...
E c'erano le leggi scritte, ogni comune aveva le proprie

_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GLADIVS

Consul





Età: 31
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Dom Lug 06, 2008 3:16 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Si ma l'alfabetismo all'epoca non aveva la diffusione che ha avuto nell'epoca romana...anche nel governo dei comuni vi erano persone istruite.
_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Silla

Praefectus





Età: 35
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Dom Lug 06, 2008 3:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

E quindi?
_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GLADIVS

Consul





Età: 31
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Dom Lug 06, 2008 11:32 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

E quindi la scrittura era posseduta solo da "caste" sociali nel medioevo, mentre prima era una cosa di libera fruizione, le leggi erano anche scritte...ma quanti erano in grado di leggerle?
_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Silla

Praefectus





Età: 35
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Lun Lug 07, 2008 12:20 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

GLADIVS ha scritto:
E quindi la scrittura era posseduta solo da "caste" sociali nel medioevo, mentre prima era una cosa di libera fruizione, le leggi erano anche scritte...ma quanti erano in grado di leggerle?


Oh, beh, si è fatto un passo avanti....almeno ora si ammette che non solo la chiesa tenesse la scrittura per sè.... Very Happy

_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GLADIVS

Consul





Età: 31
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Lun Lug 07, 2008 12:24 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

si ma l'educazione ai laici da chi veniva impartita nella maggior parte dei casi?dove si mandavano i rampolli a studiare?
_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Silla

Praefectus





Età: 35
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Lun Lug 07, 2008 1:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Nelle università! Col XII secolo inizia un'espansione dell'alfabetizziazione (se scrivevano così erano messi bene Mr. Green ) laica non più tenuta nelle mani ecclesiastiche, grazie allo sviluppo dei comuni, delle università - appunto -, del diritto romano - usato nei comuni per le leggi.

Non metto mica in dubbio che la chiesa detenesse la cultura, dico che ad un certo punto, durante il XII secolo, vi è uno sviluppo gerale importante di cultura, alfabetizzazione e produzione letteraria non ecclesiastica bensì laica!

Occhio a generalizzare il medioevo....

_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"


Ultima modifica di Silla il Lun Lug 07, 2008 2:30 pm, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Claudio

Centurio Hastatus





Età: 46
Registrato: 06/06/05 19:44
Messaggi: 234
Claudio is offline 

Località: Parma
Interessi: Storia (Antica e Medioevale), disegno, palestra, football americano, rievocazione storica, fantasy e i giochi di ruolo, anche dal vivo, leggere
Impiego: Istruttore fitness, studente, fumettista(?)


MessaggioInviato: Lun Lug 07, 2008 1:57 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Vorrei ricordare che il primo "Studium" risale al 1050 circa con Irnerio che insegnava diritto a Bologna.
A Parma lo "Studium Universitatis" risale addirittura al 980.
Poco dopo sorgono le Università di Parigi e in altre località.

Come dice giustamente Silla bisogna stare attenti a generalizzare il Medioevo. Questo bellissimo periodo soffre di pregiudizi che derivano addirittura dall'Illuminismo e che ci siamo trascinati fino a qualche anno fa e alcuni di essi ancora sopravvivono.

Come quello che vuole un cavaliere disarcionato a guisa di una tartaruga rovesciata o dell'esistenza degli sbandieratori.... Evil or Very Mad

_________________
Titus Claudius Cincinnatus/ Claudio Casti
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> La guerra come strategia politico-economica e militare Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008