Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Tornare a parlare il latino.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2, 3, 4, 5  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Lingua latina
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Caesar

Tribunus






Registrato: 15/03/05 23:09
Messaggi: 519
Caesar is offline 






MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 10:01 pm    Oggetto:  Tornare a parlare il latino.
Descrizione:
Rispondi citando

Riaffermare l'uso del latino nellla parlata corrente, volendo essere pragmatici, non ritengo che sia cosa praticabile.
La causa è da cercare nel lessico odierno particolarmente arricchito da termini nuovi che si sono fatti strada negli ultimi secoli acquistando una posizione non trascurabile per le necessità espressive neanche tanto colte e ricercate delle urgenze quotidiane. A voler restare determinati nell'uso di questo idioma si dovrebbe ricorrere a perifrasi e circonlocuzioni che appesantirebbero il discorso tradendo gli scopi originari della comunicazione verbale, e maggiormente oggi che viviamo un'epoca di tempi e reazioni pressocchè convulse.
Una lingua che potrebbe restare confinata nel parlare di stati d'animo, di sentimenti, di passioni e di materie umanistiche in genere; ma appena appena si profilasse la necessità di uscire da questi ambiti, prepotetemente e nella stessa unità di tempo, emergerebbero i limiti posti da campi, fatti e situazioni a quella lingua completamente estranei che pertanto verrebbero privati della possibilità di essere espressi.
Quale invece il vostro pensiero?

_________________
Caesar
Pietro Silva
Milovan Gilas scrisse che la memoria tende a modificare i fatti per farli quadrare con le necessità del presente.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 10:01 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Remvs

Ospite















MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 10:26 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

di primo acchitto ti direi che i "vocaboli" nuovi dei quali per esempio la nstra lingua attuale si sta riempiendo sono per lo più vocaboli latini riciclati con la pronuncia inglese.......tipo "media" e "plus" per citarne alcuni....
per il resto vorrei prima imparare veramente il Latino, poi magari ne avrei un'idea tale per cui riuscirei a darti un parere Wink
Torna in cima
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 10:31 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Esistono molti siti sula lingua latina e tra essi alcuni che ho visto curiosando in internet svolgono dei corsi achegratuiti. Peccato di non aver dato importanza alla cosa e di non averne preso nota.
Mi sono accorto di questi siti uno, due mesi addietro; non tanto tempo fà.

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Remvs

Ospite















MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 10:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

io ho comprato un "corso interattivo"....ma dopo circa un mese che m'è arrivato ancora non l'ho guardato......nel frattempo ho fatto collezione di quella raccolta uscita recentemente in edicola di libri di autori latini (i greci li ho evitati, poi era troppo).......per fortuna c'è la traduzione........ Confused
Torna in cima
Hector

Centurio Princeps






Registrato: 13/03/05 11:22
Messaggi: 394
Hector is offline 






MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 10:41 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Sarò con poca immaginazione ma ritengo che quello che ha espresso Caesar è vero.
Come dovrebbe essere detto in latino motore aeroplano, elicottero, protosincrotone e tantissime altre cose; sono con delle circolocuzioni rendendo quella lingua troppo accademica e pertanto così rigida e formale da farla suvbito vedere come impossibile da usare.

_________________
Hector
Marco Lucifredi
O Zeus padre degli Dei, tu che hai abbandonato la mia Ilio, non dimenticarti di me.
Non mancano gli imputati e chi li accusa; lo Stato non manchi di un tribunale (Cicerone)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Remvs

Ospite















MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2005 10:51 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

credo sia così proprio perchè non è una lingua "corrente"......mi spiego.....
se fosse rigidamente così il concetto, lo sarebbe stato anche nei tempi in cui il lataino era la lingua usata.....noi sappiamo invece che accanto alla eloquentia aulica c'era tutta una serie di parole e modi di dire di uso più comune......proprio come credo che succederebbe ora se fosse il latino una lingua in uso.......
voi come la pensate??
Torna in cima
Bibliolathas

Ospite















MessaggioInviato: Lun Mag 02, 2005 3:08 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Omnibus sodalibus spd Bibliolathas

Sono completamente d'accordo con Seneca.
Ho avuto varie discussioni con amici e le motivazioni contro l'uso del latino sono solo scuse di chi non ha voglia di studiarlo e non gli interessa di custodire il proprio patrimonio culturale. Secondo me questa è la realtà ci si riempie la bocca di "occidente", "identità culturale" e tante storielle quando in realtà ogni giorno si svende per quattro soldi l'argenteria di famiglia....

Scusate lo sfogo, ma mi ci vuole ogni tanto (spero di non aver offeso nessuno...)

Per quanto riguarda il lessico, (con buona pace degli anglofili più accaniti), vi assicuro che è completo e aggiornatissimo, ci sono termini per ogni invenzione e diavoleria fino al morbo della mocca pazza!! Vi ricordo in oltre che il latino è stato lingua internazionale fino al diciottesimo secolo, lingua della chiesa fino al ventesimo, ma soprattutto lingua della Scienza. (quella vera che si occupa di tutto, non come la intendiamo noi oggi...)
Per cui i termini scientifici in generale sono formati da termini latini e greci e questo non nel I d.C. ma in epoca moderna.

Exempli gratia: computatrum, interrete, inscriptio electronica, autocineto, cinematographus et cetera

Ripeto: io non sono un latinista, ma un dilettante per cui le spiegazioni tecniche non ve posso offrire, so che per un neologismo ci sono sempre dibattiti che possono durare anni, nel senso che non è che ci si inventa di sana pianta!!
Penso che potrete trovare risposte nei vari siti.

Adesso li recupero...

Valete omnes pancratice!!
Torna in cima
Bibliolathas

Ospite















MessaggioInviato: Lun Mag 02, 2005 3:14 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

per esempio questi sono ottimi!!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


poi ci sono i vari circoli europei tipo...augustinus.eresmas.net/scl/nexus.htm o qualcosa del genere

Valete!
Torna in cima
Caesar

Tribunus






Registrato: 15/03/05 23:09
Messaggi: 519
Caesar is offline 






MessaggioInviato: Mar Mag 03, 2005 2:44 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Bibliolathas Smile , continua scoperta sei. (costruzione lkatina con il verbo in fondo)

Sono pronto a ricredermi su quello che ho scritto in apertura dell'argomento (al posto di trhread) solo che tu (ti prego di credere che non metto malizia) riesca a darmi altri esempi.
NOn è assolutamente detto che io abbia ragione. Il mio era un punto di vista personale e se questo ha dei limiti, ecco che la valutazione stessa che ho dato ha pure essa dei limiti. Smile

_________________
Caesar
Pietro Silva
Milovan Gilas scrisse che la memoria tende a modificare i fatti per farli quadrare con le necessità del presente.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Mar Mag 03, 2005 3:08 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Bentornato Bibliolathas sempre più prezioso,
per me il tuo non era uno sfogo ma l'esposizione di una idea da apprezzare anche se contrasta con quello che pure io ho manifestato.

Anch'io sono pronto a rivedere le mie convinzioni perchè anch'io penso che ci siamo lasciati "colonizzare" culturalmente (vedi la politica forzaitaliota delle tre I [fallita], riforma Moratti, "con la mafia bisogna convivere - ministro lunardi). Tutta applicazione di scimmiottamento del sistema di vita americano.
Ci siamo saturati di "occidente" e di "identità culturale" (ma quale?) e abbiamo svenduto "l'argenteria di famiglia".
Vero è che sempre a meno persone piace studiare e applicarsi in cose senza un guadagno immediato! Si potrebbe provare un timido tentativo.

Vediamo se ti va l'idea.
Anche se non sei un latinista, considerando che dibatti con amici la possibilità di rivalutare il latino, vorresti guidare una piccola sezione sperimentale di rivalutazione con l'aiuto di persone di tua scelta? Se l'idea ti piace e la ritieni possibile possiamo creare quando sei pronto una sezione apposita. Su un altro sito corrispondente si stava preparando qualcosa di simile.

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Bibliolathas

Ospite















MessaggioInviato: Mar Mag 03, 2005 3:50 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Per esempi cosa intendi? siti o vocaboli?

Ho trovato questo dizionarietto, ma ti avviso già che altrove ho trovato vocaboli resi in altri modi, per cui non ti so dire quale sia la versione accettata Embarassed

prova:http://www.pesaro.com/latino/diz/

Plinie, doctissime vir! Mi cogli un pò impreparato, ma la proposta è allettante...

Valete
Torna in cima
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Mar Mag 03, 2005 8:54 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dato che la proposta non ti è tanto indifferente, valutala con tutta la calma che ti serve. Predisponi un tuo programma, una pianificazione, o anche una previsione di massima da sviluppare nei dettagli in un secondo tempo. Avrai modo di vagliare i contatti che immagino ti serviranno e poi....se vorrai vedremo.
_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Caesar

Tribunus






Registrato: 15/03/05 23:09
Messaggi: 519
Caesar is offline 






MessaggioInviato: Mar Mag 03, 2005 8:59 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Vocaboli, intendevo vocaboli Bibliolathas.

Ho visto il sito che hai gentilmente indicato e il repertorio che mostra, e solo pochi vocaboli tra quelli riportati sono espressi con circolocuzioni anche se accettabili in fondo.

_________________
Caesar
Pietro Silva
Milovan Gilas scrisse che la memoria tende a modificare i fatti per farli quadrare con le necessità del presente.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Seneca

Primipilus






Registrato: 19/03/05 16:29
Messaggi: 440
Seneca is offline 






MessaggioInviato: Mar Mag 03, 2005 9:10 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Si, in fondo sono accettabili e poi non dimentichiamo che molta acqua è passata sotto i ponti e le nuove espressioni, per quanto perifrastiche rendono bene ciò che vogliono rappresentare.
E' da considerare un costo da sostenere nell'ipotesi remota di un ritorno alla lingua latina.
Bisogna considerare il tutto in funzione del valore teorico di questa conversazione.

_________________
Seneca
Roberto Fanelli
Qui ad Atene noi facciamo così .... (Pericle)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 53
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Mer Mag 04, 2005 2:46 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Onorevoli membri.
Non vi è dubbio che oggigiorno il latino, inteso come lingua di comunicazione utilitaristica di massa, sia il primo in classifica tra gli idiomi "inutili".
Ciò al contrario di quanto accadeva nell'antichità, ove se non parlavi latino non vendevi la tua verdura, non venivi arruolato in legione (o peggio tuo figlio non veniva riconosciuto come 'cittadino romano'), o non venivi assunto nella fabbricazione della nuova muraglia di Colonia Ulpia Traiana (Xanten-Germania).
Inutilità 'acclamata' dalla storia degli utlimi due millenni (e relative incessanti trasformazioni dei molteplici originali idiomi latini), a meno che qualcuno oggi riesca a fare del latino il cardine del proprio successo (o della propria sopravvivenza) nella propria carriera professionale e nella propria consecutio sociale.
Diverse ancora sono poi le molle derivate da velleità strettamete culturali, come il desiderio di un LATINO rivivente, cristallizzato in una forma asettica (mai esistita), finalizzato ad affermare una superiorità culturale che, troppo spesso, traduce 'in positivo' (quanto un aspirina) un malessere interiore di tipo etnico-politico-sociale.
Eppure, sono il primo a lanciare l'idea di una sperimentazione in questo senso! Perchè?
Certamente per nessuno dei validissimi motivi che io stesso ho poc'anzi citato. Al contrario, proprio perchè il latino delle fonti "dimostra" di essere lingua internazionale... da Pompei a Roma, dalla Germania al latino scritto in greco... con tutte le notevoli diversità di pronuncia, sintassi ed alienazione terminologica!
Come uomo inserito nella stupenda Europa, non posso non adorare lo stupendo idioma italiano, francese, spagnolo, inglese o tedesco. Ugualmente come sperimentatore dell'antichità, non posso non gioire con gli amici italiani, francesi, spagnoli, catalani, inglesi o tedeschi (ma anche cechi, slovacchi, serbi, russi e polacchi) delle incredibili assonanze di radici etimologiche, regole grammaticali o addirittura sulla pronuncia, che ci legano tutti!
Ciononostante questo è uno sfizio! Sfizio inutile dato che la moderna società europea gode già pienamente dei propri strumenti linguistici.
A meno che (ideologie a parte), il latino torni ad essere indispensabile per vendere la propria verdura!
Abbiamo in Italia qualche genere di verdura che il mondo necessita? Abbiamo in Italia qualche genere di verdura che non parli solamente l'italiano, ma che sia 'potabile' per il mondo intero, ed utile nel quotidiano sociale al mondo intero?
Se si, il latino tornerà. Se no, vi invito alla sezione umoristica del forum Crying or Very sad Laughing
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Lingua latina Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina 1, 2, 3, 4, 5  Successivo
Pagina 1 di 5

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008