Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Il carro nel combattimento romano
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Tecnica e tattica militare
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Pentesilea

Centurio Princeps





Età: 32
Registrato: 21/05/07 21:40
Messaggi: 381
Pentesilea is offline 

Località: Barcino [Taraconensis]
Interessi: roma e i sui romani xD
Impiego: studentesa, guida turistica, archeologa
Sito web: http://www.fotolog.com...

MessaggioInviato: Mer Mag 07, 2008 4:37 pm    Oggetto:  Il carro nel combattimento romano
Descrizione:
Rispondi citando

ave forumisti
pochi giorni fa sono stata studiando le rapressentazione di stele della zona SO della Peninsola Iberica (Spanga + Portugal), e ho visto che in tutte le stele con motivi di guerriero, si vedeva un carro shcemattizato obviamente, visto dall'alto ma, si riconosceva perfettamente. in queste stele, secondo la traduzione fatta da storiatori e investigatori, il carro ha un significato di lusso, di consequenza d'un comercio con altre culture centroeuropee e centromediterranee, voglio dire, questo elemento si conosce per il proceso di aculturazione prodotto dell'arrivata di culture celtiche e orientali alla Peninsola.
questo mi ha fatto pensare, i romani usavano il carro con lo stesso significato di lusso? (perche nn tutti i guerreri potevano averlo in età preromana e magari questo è una cosa che anche si vede in età romana). Mi referisco a i carri di guerra.
Le mie domande sono:
Come usavano i romani il carro durante i combattimenti? mi posso fidare dei film? Si è usato da sempre?
Ci sono rappresentazione di questo elemento durante la battaglia?
Quanti carri si potevano usare in un combattimento? Ecc.
Mi serve tutto quello che si può sapere. Wink

Ciaoooo
Pente

_________________
Pentesilea / Rocio Manuela Cuadra

Alea Iacta Est
Veritas Odium Parit
Verba Movent Exempla Trahunt
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Adv



MessaggioInviato: Mer Mag 07, 2008 4:37 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Tvllia

sagittarius





Età: 51
Registrato: 11/03/05 18:24
Messaggi: 2195
Tvllia is offline 

Località: Mvtina
Interessi: tanti
Impiego: impiegata


MessaggioInviato: Gio Mag 08, 2008 1:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Che io sappia, Pente, il carro da guerra non è mai stato presente nell'arte militare romana. Carri (forse da guerra) sono stati ritrovati in tombe etrusche, ma nel mondo romano non se ne ha notizia.
Era invece utlizziato dalle popolazioni celtiche, per le quali i ritrovamenti in tombe sono abbastanza numerosi.

I romani hanno sempre privilegiato la fanteria, e che io sappia non hanno mai fatto uso di carri da guerra.
Viceversa i carri non da guerra (carri scoperti o coperti a due o quattro ruote) erano invece utilizzati per il trasporto di persone e merci. Carri di piccole dimensioni a due ruote trainati da 2 cavalli (bighe) o quattro cavalli (quadrighe) erano utilizzati per cerimonie (tronfi esempio) o corse nei circhi.
Ma in battaglia che io sappia no.

Vale

_________________
Tvllia/Rita Lotti

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"Non troveremo mai la verità se ci accontentiamo di ciò che è già stato scoperto.
Quelli che hanno scritto prima di noi non sono dei padroni, ma delle guide.
La verità è aperta a tutti e non è stata ancora trovata per intero"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Circe

Praefectus





Età: 35
Registrato: 27/09/06 20:04
Messaggi: 822
Circe is offline 

Località: Barcino
Interessi: Imparare ancora un po'
Impiego: veterinaria
Sito web: http://www.fotolog.com...

MessaggioInviato: Gio Mag 08, 2008 2:27 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Forse l'apparizione dei carri nelle stele è una eredità degli antichi estruschi, que erano come i sui predecessori. Il simbolismo dei carri nelle stele etrusche è stato ben studiato, ed erano una figura quasi "obbligatoria", ma avevano un sentito funerale più che di guerra perchè era il carro che portava il morto a l'Ades. (Questo e tante cose mi le ha spiegato una persona molto cara per me Wink...Mrs Cicerona Mr. Green )
Forse, per altro, il carro solo fosse un simbolo per dimostrare che il morto era una persona importante, un bravo guerriero, no lo so...

_________________
Circe/Mònica Carrión Martínez

URBS UBI VER AETERNA EST.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Pentesilea

Centurio Princeps





Età: 32
Registrato: 21/05/07 21:40
Messaggi: 381
Pentesilea is offline 

Località: Barcino [Taraconensis]
Interessi: roma e i sui romani xD
Impiego: studentesa, guida turistica, archeologa
Sito web: http://www.fotolog.com...

MessaggioInviato: Gio Mag 08, 2008 6:54 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

voleva dire, ho visto su film varie che si portano i generali romani fino il campo di battaglia in carro. ma dopo, nn si usa come il caballo per aprossimazione al contrario sennò si usa la infanteria come dici bene tu Tullia.
queste rapressentazione di che parlo ci sono protoromane, prima dell'aculturazione che soffre la peninsola Ibèrica con l'arrivata dei romani. sono dai secoli VIII - V a.C., e conoscono la sua maggiore diffusione con l'acculturazione fenicia, d'oriente. ma, si può parlare anche dei elementi etruschi come dici anche tu Circe, perche sappiamo che questa cultura soffre anche un processo di orientalizzanzione, prima greca e dopo con i fenici di sicilia (commercio, ecc.). magari, questa rappresentazione del carro è solo funeraria, e simboliza il potere, la grandeza del personaggio che si rappresenta accanto al carro nelle stele.
anche, nelle culture orientali, tipo greche e semitiche, Siria, Egitto, Mesopotamia, era un elemento fondamentale nella guerra, vero? ricordate il mosaico pompeiano di Alexandro Magno e il soposto Dario (persa) in quella battaglia di Issos, Dario monta in un carro.

se sapete alcuna cosa di più...
valete!

_________________
Pentesilea / Rocio Manuela Cuadra

Alea Iacta Est
Veritas Odium Parit
Verba Movent Exempla Trahunt
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
GLADIVS

Consul





Età: 31
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Gio Mag 08, 2008 9:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

a quanto sappia i carri erano usati solo per le carrobaliste...ma questo in epoca piuttosto tarda credo.
_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 52
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Gio Mag 08, 2008 9:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

L'uso del carro veloce, ossia di quello a due ruote, sembra introdotto dagli Ittiti.
Si estende rapidamente alla Mesopotamia (che in precedenza usava carri a 4 ruote), all'Egitto, all'Anatolia e di conseguenza, alla bellicosa civiltà Micenea.
E' direttamente da questa, mediata attraverso la fase del Medioevo elladico, corrispondente anche alla caduta Ittita (XIII-VIII sec a.C) che gli etruschi acquisiscono l'influsso Siro-Ittita-Miceneo.
La cultura proto-celtica e proto-illirica di Halstatt se ne imbeveno a sazietà, rivelando sino all'VIII sec a.C. molti elementi micenei, come spade, corazze ed elmi bronzei (si parla di un influsso che giunge addirittura in Cekia).
Ma l'Europa balcano-italica e sub-alpina, non si adattano al combattiento su carri, specifico per i terreni pianeggianti del medio-oriente, dell'egitto e della mesopotamia.
Dunque avete ragione Pente e Circe: il carro è un simbolo di potere.
Ricordiamoci d'altronde che per questo, e solo per questo motivo, la massima espressione del carro a due ruote arriva coi Romani. Non nella guerra, ma nelle violentissime competizioni di bigae aut quadrigae Very Happy

_________________
Dario Battaglia
Per correttezza, si prega di riportare la fonte degli argomenti qui discussi nel caso vengano girati e argomentati su altri forums
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Raphael Petreius

Praefectus





Età: 26
Registrato: 06/09/08 16:34
Messaggi: 819
Raphael Petreius is offline 

Località: Lilianum
Interessi: L' Ars Dimicandi, armi, strategia militare antica, storia romana e antica ( ma anche moderna), Harry Potter
Impiego: Universitario e Combattente amatoriale :D


MessaggioInviato: Dom Ott 05, 2008 5:18 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Inoltre volevo aggiungere che il carro vene abbandonato a favore della fanteria e della cavalleria per la sua debolezza: i corridori, i mercenari arruolati dagli egiziani, che dopo il lungo periodo di pace sotto Rmases II erano vissuti da disoccupati, vennero arruolati dai Popoli del mare contro gli egizi stessi, dimostrarono la fragilità di un esercito composto nel suo nerbo da carri; la fanteria leggera infatti li abbatteva in modo estremamente facile. Da allora cominciò un lungo processo che portò sempre più all'affermarsi della fanteria, co una schiera di cavalleria che copriva le ali, vedendo nelle formazioni compatte di cavalleria una maggiore efficacia rispetto ad una formazione di carri, peraltro molto costosi. La superiorità della cavalleria sullo schieramento di carri si nota nella battaglia di gaugamela, dove i carri falcati vendono facilmente annientati dalle falngi macedoni, a contrrio la compatta formazione dei compagni cavalieri di Alessandro annientano la fanteria persiana...
_________________
"Mors est dulcis et honesta si accipiatur pro patria, Roma"

" - Romani, sumus filii Lupae Capitolinae!!
- Mars Exurge!"


Raphael Petreius /Raffaele Pirozzi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
GLADIVS

Consul





Età: 31
Registrato: 08/06/07 20:06
Messaggi: 1175
GLADIVS is offline 

Località: Campvs Sanvs (Neapolis)
Interessi: Storia, tattica e strategia militare, lettura, armi, arti marziali, lingue, mitologia
Impiego: discente-idroforo
Sito web: http://natosbagliato.s...

MessaggioInviato: Dom Ott 05, 2008 5:59 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Raphael Petreius ha scritto:
Inoltre volevo aggiungere che il carro vene abbandonato a favore della fanteria e della cavalleria per la sua debolezza: i corridori, i mercenari arruolati dagli egiziani, che dopo il lungo periodo di pace sotto Rmases II erano vissuti da disoccupati, vennero arruolati dai Popoli del mare contro gli egizi stessi, dimostrarono la fragilità di un esercito composto nel suo nerbo da carri; la fanteria leggera infatti li abbatteva in modo estremamente facile. Da allora cominciò un lungo processo che portò sempre più all'affermarsi della fanteria, co una schiera di cavalleria che copriva le ali, vedendo nelle formazioni compatte di cavalleria una maggiore efficacia rispetto ad una formazione di carri, peraltro molto costosi. La superiorità della cavalleria sullo schieramento di carri si nota nella battaglia di gaugamela, dove i carri falcati vendono facilmente annientati dalle falngi macedoni, a contrrio la compatta formazione dei compagni cavalieri di Alessandro annientano la fanteria persiana...


Non è così facile a Gaugamela...i carri furono bloccati dalla falange, ma la cavalleria degli Hetairoi, dopo la manovra evasiva e la conversione si infilò nello spazio aperto per colpire Dario, in seguito a causa dello sfondamento delle proprie linee e dell'attacco all'accampamento macedone, difeso da pochi Traci, compiuto dalle truppe persiane, Alessandro tornò indietro e si scontrò con la cavalleria persiana in un combattimento molto duro e serrato (su cui io e Silla abbiamo ampiamente discusso Mr. Green )

_________________
"Dulce et decorum est pro patria mori"
"Fortes fortuna adiuvat"
"Ζεύς σωτήρ καί Νίκη"

Gladivs - Francesco Saverio Quatrano
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Dom Ott 05, 2008 8:29 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Raphael Petreius ha scritto:
Inoltre volevo aggiungere che il carro vene abbandonato a favore della fanteria e della cavalleria per la sua debolezza: i corridori, i mercenari arruolati dagli egiziani, che dopo il lungo periodo di pace sotto Rmases II erano vissuti da disoccupati, vennero arruolati dai Popoli del mare contro gli egizi stessi, dimostrarono la fragilità di un esercito composto nel suo nerbo da carri; ................................


Questa analisi storiografa, puoi dirci in quali testi l'hai conosciuta? Sembra interessante ed approfondirla personalmente mi piacerebbe.

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Raphael Petreius

Praefectus





Età: 26
Registrato: 06/09/08 16:34
Messaggi: 819
Raphael Petreius is offline 

Località: Lilianum
Interessi: L' Ars Dimicandi, armi, strategia militare antica, storia romana e antica ( ma anche moderna), Harry Potter
Impiego: Universitario e Combattente amatoriale :D


MessaggioInviato: Dom Ott 05, 2008 11:49 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Mi dispice deluderti Plini, ma l'ho tratta a una trasmissione intitolata "Apocalisse nel mare Egeo" su History channel, che non gode dlla vostra stima... Mr. Green
Però se risco a rintracciare i titoli di coda, ti posso dire i nomi degl storici che vi hanno partecipato e che quindi hanno messo a disposizione le loro teorie per il programma

_________________
"Mors est dulcis et honesta si accipiatur pro patria, Roma"

" - Romani, sumus filii Lupae Capitolinae!!
- Mars Exurge!"


Raphael Petreius /Raffaele Pirozzi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Tecnica e tattica militare Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008