Indice del forum

ArsDimicandi Forum

GLADIATORI, ESERCITO ROMANO, ATLETICA PESANTE

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Fraseologia militare.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Lingua latina
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Raphael Petreius

Praefectus





Età: 27
Registrato: 06/09/08 16:34
Messaggi: 819
Raphael Petreius is offline 

Località: Lilianum
Interessi: L' Ars Dimicandi, armi, strategia militare antica, storia romana e antica ( ma anche moderna), Harry Potter
Impiego: Universitario e Combattente amatoriale :D


MessaggioInviato: Gio Apr 28, 2011 6:04 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Buonasera, ragazzi. Sentendo il latino da voi usato mi è sorta una domanda: perchè usate il latino scolastico, invece di usare un latino classico archeologicamente e rievocativamente, a mio parere, più corretto? Mr. Green
Grazie Very Happy

_________________
"Mors est dulcis et honesta si accipiatur pro patria, Roma"

" - Romani, sumus filii Lupae Capitolinae!!
- Mars Exurge!"


Raphael Petreius /Raffaele Pirozzi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Gio Apr 28, 2011 6:04 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Silla

Praefectus





Età: 36
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Ven Apr 29, 2011 11:37 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cosa intendi per scolastico e per classico archeologicamente e rievocativamente più corretto?
_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Sab Apr 30, 2011 8:41 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Silla ha scritto:
Cosa intendi per scolastico e per classico archeologicamente e rievocativamente più corretto?

...già. A cosa ti riferisci?

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Dr Domus

Site Admin


gladiatores


Età: 53
Registrato: 10/03/05 22:31
Messaggi: 1637
Dr Domus is offline 




Sito web: http://www.arsdimicand...

MessaggioInviato: Lun Mag 02, 2011 2:29 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Forse Raphael intende alla distinzione che oggi si fa del cosiddetto latino TRADIZIONALE (anche definito ECCLESIASTICO) rispetto al cosiddetto RENSTITUTO. Il primo si pronuncia all'italiana, il secondo alla greca. Così nel primo Caesar si pronuncia César, nel secondo Kaèsar, o ancora salve si pronuncia identicamente a come e scritto nella prima, mentre nella seconda si dice sàlue.
Credo non vi siano modelli migliori, poichè non esisteva un unico modo di pronunciare il latino. Basti pensare al modo di pronunciare la ERRE tra Francesi e Tedeschi (di palato, come la erre moscia), o la stessa lettera nelle lingue anglofone (sbiascicata a diventare quasi una U). Lo stesso valeva anche un tempo. Il termine IMPERATOR su un graffito di Pompei antica, è scritto erroneamente embratòr, rivelandone la pronuncia, ossia la precoce napoletanizzazione a causa del sustrato osco.
Nè l'inglese attuale è necessariamente sbagliato se parlato da un emigrato siciliano, un indiano dell'India, o da un Francese.
Relegare il latino a una sola e specifica forma di dizione, equivale a rigettare la storia stessa di questa lingua straordinaria. Basti pensare alle numerose forme dialettali (e conseguenti influenze sulle parole) della stessa lingua greca Very Happy

_________________
Dario Battaglia
Per correttezza, si prega di riportare la fonte degli argomenti qui discussi nel caso vengano girati e argomentati su altri forums
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Silla

Praefectus





Età: 36
Registrato: 12/03/05 19:25
Messaggi: 830
Silla is offline 

Località: Tergeste




MessaggioInviato: Lun Mag 02, 2011 5:10 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dr Domus ha scritto:
Forse Raphael intende alla distinzione che oggi si fa del cosiddetto latino TRADIZIONALE (anche definito ECCLESIASTICO) rispetto al cosiddetto RENSTITUTO. Il primo si pronuncia all'italiana, il secondo alla greca. Così nel primo Caesar si pronuncia César, nel secondo Kaèsar, o ancora salve si pronuncia identicamente a come e scritto nella prima, mentre nella seconda si dice sàlue.
Credo non vi siano modelli migliori, poichè non esisteva un unico modo di pronunciare il latino. Basti pensare al modo di pronunciare la ERRE tra Francesi e Tedeschi (di palato, come la erre moscia), o la stessa lettera nelle lingue anglofone (sbiascicata a diventare quasi una U). Lo stesso valeva anche un tempo. Il termine IMPERATOR su un graffito di Pompei antica, è scritto erroneamente embratòr, rivelandone la pronuncia, ossia la precoce napoletanizzazione a causa del sustrato osco.
Nè l'inglese attuale è necessariamente sbagliato se parlato da un emigrato siciliano, un indiano dell'India, o da un Francese.
Relegare il latino a una sola e specifica forma di dizione, equivale a rigettare la storia stessa di questa lingua straordinaria. Basti pensare alle numerose forme dialettali (e conseguenti influenze sulle parole) della stessa lingua greca Very Happy


Esattamente... non a caso la pronuncia cosiddetta renstituta è invenzione tedesca... Non c'è prova alcuna della pronuncia del latino, se non -paraddossalmente - i graffiti popolari di pompei! Very Happy

_________________
Silla/Luca Ventura

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"O straniero, riferisci agli Spartani che qui
noi giacciamo, obbedienti ai loro ordini"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Tvllia

sagittarius





Età: 52
Registrato: 11/03/05 18:24
Messaggi: 2198
Tvllia is offline 

Località: Mvtina
Interessi: tanti
Impiego: impiegata


MessaggioInviato: Lun Mag 02, 2011 11:54 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Spiegazione molto interessante. Mi è stato riferito che gli accenti e la cadenza che ancor oggi (per fortuna) ogni regione d'Italia presenta ancora nella propria parlata, probabilmente non sono molto cambiati da quando c'erano i Romani. Così pare proprio leggendo il graffito campano, dove si comprende bene che già allora i campani parlavano latino (o osco) con quella cadenza che noi tutti ancora conosciamo.
Ciò potrebbe esser vero?
Speriamo che nello scavare nel sottosuolo di Modena si possa ritrovare un lacerto di muro su cui è rimasto un graffito della regio VIII Aemilia! Mr. Green

_________________
Tvllia/Rita Lotti

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


"Non troveremo mai la verità se ci accontentiamo di ciò che è già stato scoperto.
Quelli che hanno scritto prima di noi non sono dei padroni, ma delle guide.
La verità è aperta a tutti e non è stata ancora trovata per intero"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Flavius Stilicho

Consul





Età: 29
Registrato: 15/06/06 20:44
Messaggi: 1606
Flavius Stilicho is offline 

Località: Avgvsta Pervsia
Interessi: Storia Romana, Tardo Romana- Bizantina, Lettura
Impiego: studente
Sito web: http://franuf1aviosti1...

MessaggioInviato: Mar Mag 03, 2011 10:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Be' in alcuni dialetti si utilizzano ancora dei latinismi per definire oggetti di uso comune... mi salta subito alla mente nel mio dialetto (Perugino) ciliegio si dice ceraso (e le ciliegie, cerase) e quercia si dice cerqua (c'è anche un paese chiamato "Cerqueto" non lontano da casa mia): sono chiari esempi di conservatorismo di termini arcaici che non hanno subito l'evoluzione dovuta alla pronuncia di chissà quali altre cadenze e dialetti, così come tutti noi oggi chiamiamo il cavallo con un termine praticamente sconosciuto al latino scritto.

Poi va be', sapete tutti che io son convinto che in Italia si parli Latino (e per Latino intendo la risultanza della commistione linguistica che vi fu tra le varie lingue italiche, non certo quello parlato dai Latini prima della fondazione di Roma) moderno perché le influenze esterne sull'evoluzione interna della lingua sono ridicole se paragonate a quelle di tante altre lingue. È bastato che per un paio di secoli non vi fossero più gli eruditi (che poi comunque rimasero, anche se chiusi nei monasteri) a difendere a spada tratta l'antica lingua parlata nel Lazio per far emergere prepotentemente le inclinazioni locali (ben più malleabili ed intuitive, semplici oserei dire) che nel frattempo si erano evolute a ben altro ritmo rispetto alla lingua scritta che presenta una rigidità (e un'omogeneità territoriale) per via dei fenomeni di imitazione e "culto" dei grandi scrittori del passato, che ci sono ben noti (si pensi all'affermazione del Fiorentino colto nel Medioevo, si potrebbe paragonare al Latino che ai tempi della conquista della Penisola da parte di Roma si impose sulle altre lingue italiche come "lingua di scrittura" e quindi di quei pochi colti che sapevano scrivere e lo facevano con frequenza).

Non è un caso che la Chiesa Romana abbia mantenuto l'utilizzo del Latino anche quando ormai nessuno, che non lo avesse appreso tramite la Chiesa stessa, era in grado di comprenderlo (trattavasi di Latino modificato rispetto a quello c.d. "classico" ma pur sempre Latino, mentre ormai nemmeno gli abitanti di Roma e dintorni lo parlavano più e chissà che non avessero smesso già prima della caduta dell'Impero!)

E sono anche convinto che senza scuola pubblica, senza televisione (e altri mass media) e senza un'educazione che additi i dialetti come forme "barbare" di linguaggio da sopprimere, si avrebbe ben presto la fine dell'Italiano con tutte le sue difficili regole ed eccezioni e ognuno tornerebbe a parlare il dialetto stretto dei nostri bisnonni, con tutte le modifiche (neologismi, prestiti, storpiature intuitive etc.) che le persone hanno apportato in questi decenni.

_________________
Flavius Stilicho

Francesco Bindella

Alme Sol, curru nitido diem qui
promis et celas aliusque et idem
nasceris, possis nihil urbe Roma
visere maius.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage MSN Messenger
Plinius

Princeps Senatus






Registrato: 11/03/05 05:08
Messaggi: 2186
Plinius is offline 

Località: Panormus/Balarmuh




MessaggioInviato: Mer Mag 04, 2011 4:51 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Silla ha scritto:
Dr Domus ha scritto:
Forse Raphael ...................................................Basti pensare alle numerose forme dialettali (e conseguenti influenze sulle parole) della stessa lingua greca Very Happy

Esattamente... non a caso la pronuncia cosiddetta renstituta è invenzione tedesca... Non c'è prova alcuna della pronuncia del latino, se non -paraddossalmente - i graffiti popolari di pompei! Very Happy

Sapevo della pronuncia restituta; non sapevo che fosse stata una iniziativa tedesca.
Silla puoi parlarcene con maggiore ampiezza, magari in un thread apposito e con un richiamo a questa conversazione?

_________________
Plinius/Ettore Argan

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ma, se un tiranno usurpa il potere e prescrive al popolo quel che deve fare, è anche questa una legge? (Alcibiade)

Quanto più volgare è l'uomo politico, tanto più stridente è il linguaggio. (P.C. Tacito)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Lingua latina Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Vai a pagina Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





ArsDimicandi Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008